Home / Cronaca / ‘Truck & Bus’: la Polizia stradale per la Campania ed il Molise insieme per la sicurezza sulle strade

‘Truck & Bus’: la Polizia stradale per la Campania ed il Molise insieme per la sicurezza sulle strade

ISERNIA. Il Network Europeo delle Polizie Stradali “TISPOL” ha programmato nel periodo dal 13 al 19 febbraio 2017 l’effettuazione della campagna europea congiunta denominata “TRUCK & BUS”. L’obiettivo ultimo è stato quello di elevare gli standard di sicurezza stradale, con specifici controlli ai veicoli adibiti al trasporto merci e agli autobus, armonizzando l’attività di prevenzione, informazione e controllo, anche attraverso campagne di comunicazione e operazioni congiunte. Proprio in questa ottica, il Compartimento di Polizia Stradale di Napoli, ha predisposto una capillare pianificazione di servizi specifici volti al raggiungimento degli obiettivi prefissati, che hanno interessato anche la provincia di Isernia. La Sezione di Polizia Stradale di Isernia e il Distaccamento di Agnone, come sempre, hanno profuso il massimo impegno affinchè, le direttive del Compartimento, avessero riscontro sulle arterie della Provincia Pentra. Infatti, il potenziamento dei servizi con uomini e mezzi, ha portato presto i suoi frutti tant’è che i mezzi controllati dagli operatori sono stati oltre un centinaio, tra questi anche gli autobus utilizzati per il turismo scolastico, e le infrazioni rilevate nell’ordine delle 60. A tutto ciò, inoltre, va aggiunto il sequestro di un veicolo nonché la sanzione amministrativa per un soggetto trovato in possesso di sostanza stupefacente .
Al di la dei numeri, però, l’attività praticata dalle pattuglie sul territorio, si è concentrata maggiormente sulla prevenzione delle condotte di guida non consone alle norme comportamentali del codice della strada responsabili, purtroppo, dell’elevata incidentalità su tutto il territorio nazionale.

Di Virginia Romano

Potrebbe Interessarti

Colozza, individuati i vandali

A seguito dei recenti episodi di furti tentati e consumati verificatisi in alcuni edifici scolastici …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*