Home / Cronaca / Trasporto regionale: “no alla riduzione del servizio”, Filippo Poleggi chiede un incontro ai vertici della Regione e di Trenitalia

Trasporto regionale: “no alla riduzione del servizio”, Filippo Poleggi chiede un incontro ai vertici della Regione e di Trenitalia

“Non siamo stati avari di riconoscimenti e lodi per alcune buone notizie e provvedimenti ultimi ( il piano per la sicurezza delle fermate autobus, ripiano del debito verso Ferrovie dello Stato)  che riguardano il sistema di trasporto del Molise. Non cerchiamo altro che riprendere speranza ma come sempre segue la doccia fredda”. Questo quanto dichiarato in una nota dal presidente dell’Associazione ‘TPL’, (Trasporto Pubblico Locale), Filippo Poleggi. “Siamo preoccupati per i segnali che ci arrivano: per la tratta Campobasso –Termoli tutto indica(non solo le voci) che si va verso la chiusura; il servizio continua ad essere svolto con i bus sostitutivi contrariamente al programma; alla stazione di Termoli ,per il deposito del personale della linea CB – Termoli, è in programma da lunedì lo smantellamento, il che significa che non ci sarà più personale viaggiante sulla linea. Vogliamo ricordare le molte ragioni che non permettono la chiusura; la perdita di collegamenti con le linee per Roma e Napoli per il basso Molise; il disagio dei pendolari e la pericolosità del viaggio in bus sulla statale d’inverno; la riduzione dell’occupazione e quant’altro. Noi innanzitutto ricordiamo che la tratta Campobasso -Termoli è struttura strategica e di sicurezza. Ricordiamo a quelli che l’hanno vissuto e lo diciamo a chi era bambino all’epoca il lungo periodo in cui s’è dovuto interrompere il transito sul viadotto del Liscione per mettere quest’ultimo in sicurezza ed il Molise risultò diviso in due. Non è pensabile che, mentre terremoti e nubifragi pongono continuamente l’esigenza di un piano di messa in sicurezza del Paese , nel Molise si prenda questa decisione. C’inquieta quest’orientamento venga preso dopo  il  recentissimo e costoso intervento di ristrutturazione e  ammodernamento  della linea. Se la tratta “incassa”  poco occorre studiare ed attuare un piano di rilancio che recuperi  o viaggiatori che per la bassa qualità del servizio, le continue chiusure e aperture ad intermittenza  hanno abbandonato il treno  cercando altre soluzioni di mobilità. Circolano anche voci di riduzione del servizio Campobasso – Roma e CB – Napoli, ben redditizio almeno in primo. In conclusione siamo molto allarmati e chiediamo all’ Assessore Pierpaolo NAGNI  e al Direttore del Molise di Trenitalia , Alessandro TULLIO, incontri urgenti per chiarimenti e sempre pienamente disponibili alla ricerca di soluzioni ed alla collaborazione”.

Di Virginia Romano

Potrebbe Interessarti

Dodicesimo furto alla D’Ovidio

Che la scuola sia stata da sempre territorio di atti vandalici è cosa ormai da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*