Home / Politica / Toma: “Governo pensa a norma anti Molise. Sarebbe gravissimo”
sdr

Toma: “Governo pensa a norma anti Molise. Sarebbe gravissimo”

Dopo che lo stesso Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha stralciato dal “decreto emergenze” l’articolo sulla incompatibilità tra l’attività di commissario ad acta alla Sanità  e quello di presidente di Regione, il Governo riprova a penalizzare il Molise attraverso il decreto fiscale. Si tratta di un vero e proprio accanimento contro i molisani. È incredibile: finalmente nella nostra Regione c’è un presidente che ha studiato e che conosce nel dettaglio tutte le problematiche sanitarie del territorio, e che, legittimato dal voto popolare, vuole assumersi la responsabilità delle relative soluzioni, ma l’Esecutivo predispone norme contra personam per bloccare quel presidente. Come dice un vecchio adagio, errare è umano, ma perseverare…».

Lo dichiara, in una nota, il presidente della Regione Molise, Donato Toma.

«La Conferenza delle regioni – prosegue Toma – unitariamente, si è schierata per la mia nomina. Il Consiglio regionale ha votato un ordine del giorno a favore della mia nomina. Non posso credere che il vicepremier Salvini, il sottosegretario Giorgetti e la delegazione al Governo della Lega – i cui esponenti sono parte integrante della mia maggioranza e rappresentati finanche nella mia Giunta regionale – possano permettere di perpetrare una tale ingiustizia, non tanto contro il presidente della Regione, ma contro i molisani. Da cinque mesi il nostro territorio è senza commissario ad acta, una cosa intollerabile. Per me, per la mia Giunta e per la mia maggioranza la tutela al diritto alla salute è sacra e andremo avanti per la nostra strada contro ogni scelta che possa penalizzare i nostri concittadini».

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

“Mi dimetto da coordinatrice della Lega di Jelsi. Mazzuto sta affondando il movimento”

 “Lascio il Coordinamento della Lega di Jelsi, perchè condivido totalmente le ragioni degli altri coordinatori …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*