Home / Territorio / Terremoto, continui monitoraggi

Terremoto, continui monitoraggi

A seguito dell’evento sismico verificatosi nella tarda mattinata di ieri con intensità 4.2 della scala Richter ed epicentro rilevato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia nei Comuni di Acquaviva Collecroce, Palata e Castelmauro si è riunito, presso la Prefettura di Campobasso, il Centro Coordinamento Soccorsi con la partecipazione dei Vertici delle Forze di polizia territoriali, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile regionale e di Molise Acque.  Nel corso dell’incontro è stato fatto il punto della situazione in merito alle verifiche effettuate nell’immediato, anche dopo numerosi contatti con i Sindaci interessati e con i dirigenti del Compartimento ANAS Molise.  Nei Comuni prossimi all’epicentro non risultano, allo stato, dai primi accertamenti disposti, danni a persone o cose. Una particolare attenzione, anche mediante sopralluoghi da parte dei Vigili del Fuoco- prontamente attivati con le Squadre provenienti dai Distaccamenti di Termoli e Santa Croce di Magliano- è stata riservata agli edifici pubblici strategici quali sedi comunali, scuole, chiese, nonché alle aree interessate da movimenti franosi.  Analogamente una approfondita analisi visiva e strumentale è stata posta in essere presso l’invaso di “Ponte Liscione” da cui non sono sinora emerse criticità.  Sono state, inoltre, effettuate le prime necessarie verifiche dei viadotti che insistono sul territorio interessato dall’evento. I tecnici dell’ANAS hanno in merito assicurato che non sono state riscontrate problematiche e che, pertanto, i tratti stradali in questione risultano regolarmente percorribili. A conclusione della riunione sono state assunte intese con tutti gli Enti e le Amministrazioni coinvolte al fine di attivare uno stabile collegamento interistituzionale per mantenere costante il flusso informativo.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Boccardo: “Economia, ora azioni veloci”

“Neppure il tempo di commentare i dati dell’ISTAT di ieri che oggi anche la SVIMEZ …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*