Home / Territorio / Tasse: il Comune di Roccamandolfi chiede il rimborso allo Stato

Tasse: il Comune di Roccamandolfi chiede il rimborso allo Stato

Anche il comune di Roccamandolfi, come tanti comuni italiani e molisani, con delibera di giunta n°24 pubblicata il 20/03/2017, ha chiesto istanza di rimborso ai ministeri dell’Economia e Finanze e dell’Interno per ottenere il diritto al rimborso da parte del comune di Roccamandolfi delle entrate erariali decurtate per l’anno 2013.
Nel 2013 – afferma il sindaco Giacomo Lombardi – c’è stata la riduzione del fondo sperimentale di riequilibrio, del fondo perequativo e dei trasferimenti erariali ai comuni, pari ad un ammontare complessivo di 2,25 miliardi di euro, da imputare a ciascun comune in base alle quote delle spese sostenute per i comuni intermedi desunte dal sistema SIOPE.
In base al suddetto criterio di riparto – continua il sindaco Lombardi – il comune di Roccamandolfi ha subito nel 2013 una decurtazione delle entrate erariali quantificabili in Euro 32.050, del tutto illegittima, secondo i criteri enunciati dalla Corte Costituzionale con la recente sentenza n.129/2016, e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.23 del 08/06/2016.
Proprio alla luce della sentenza della Corte Costituzionale n.129/2016, che ha efficacia retroattiva, il comune di Roccamandolfi ha subito una illegittima decurtazione delle entrate erariali e per questo era doveroso – conclude Lombardi – attivare le procedure di rimborso della suddetta somma presso i Ministeri competenti.

Di Virginia Romano

Potrebbe Interessarti

A CUORE APERTO COI LETTORI. Piovono critiche e proteste la raccolta differenziata non funziona

Caro Dardo, oggi non so se ridere per la rabbia o adirarmi seriamente. Da mesi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*