Home / Politica / Tartagione: “Cinque Stelle contro la stampa e i giornalisti”

Tartagione: “Cinque Stelle contro la stampa e i giornalisti”

“Ha creato non poca inquietudine, soprattutto tra i giovani giornalisti molisani, l’intervento del Consigliere regionale Cinque stelle Andrea Greco (candidato sconfitto alla presidenza lo scorso aprile) sui social in merito al futuro dell’editoria nazionale e locale, in cui si auspica un azzeramento dei fondi con conseguente chiusura di molte testate”. Lo ha scritto l’onorevole, Annaelsa Tataglione.  “Non sto qui a sottolineare la centralità del ruolo che la stampa ovviamente ricopre in una democrazia e sulla necessità di salvaguardare chi ha il dovere di “controllare” il potere e raccontare la realtà dei fatti ai cittadini, ma in gioco c’è proprio il futuro di tanti giovani giornalisti, che rischiano seriamente di perdere il lavoro.  Da parte di un esponente Cinque stelle, movimento che si vanta di combattere la povertà e di essere sempre a favore degli ultimi, mi aspetterei quindi ben altre prese di posizione e piena collaborazione in difesa di quei ragazzi, precari dell’informazione, che con sacrifico e passione svolgono un mestiere appunto fondamentale per tutti noi. Tra l’altro esiste già un testo, all’esame del Governo, che penalizza pesantemente le testate minori e le piccole regioni a vantaggio dei grossi gruppi. Mi auguro che dai pentastellati molisani giungano piuttosto iniziative a favore della loro terra. Anche perché non tutti vorrebbero vivere di reddito di cittadinanza, anzi: questi figli del Sud (giornalisti e di altre professioni) vogliono crescere, lavorare e realizzarsi. E meritano assoluto rispetto.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Liste d’attesa, il calvario

157 giorni per una Tac al Cardarelli, 365 per un ECOCOLOR DOPPLERGRAFIA CARDIACA al Veneziale …

Un Commento

  1. Arianna di Biase

    Inviterei l’onorevole Tartaglione a non riempirsi la bocca solo di parole. Inoltre, sfoggiare un vestito all’ultima moda piuttosto che un maquillage che presuppone un sacco di tempo per essere eseguito non è esattamente il modo di far politica che il cittadino chiede. Guardi un po’ ad Angela Merkel: semplice eppure autorevole e a capo di un Paese forte ed efficiente. Poche balle, molti fatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*