Home / Politica / SONDAGGIO WINPOLL, FRATTURA PERDE CONSENSI. SOLO IL 24% DEI SUOI ELETTORI LO RIVOTEREBBE

SONDAGGIO WINPOLL, FRATTURA PERDE CONSENSI. SOLO IL 24% DEI SUOI ELETTORI LO RIVOTEREBBE

Paolo Frattura, il 74% dei molisani non ha fiducia in lui. Solo il 17% crede che abbia governato bene.  È tempo di tirare le somme per le regioni che andranno al voto quest’anno. Pertanto l’istituto di ricerca Winpoll srls, che da tempo si occupa di indagini elettorali sul territorio nazionale e che nel 2016 si è classificato al secondo posto per precisione tra tutti gli istituti demoscopici di Italia, sta testando il grado di fiducia dei cittadini rispetto ai governatori uscenti delle diverse regioni.
Anche per il Molise dunque l’istituto Winpoll ha realizzato un sondaggio tra lo scorso 20 dicembre e il 3 gennaio. Ai mille intervistati delle province di Isernia e Campobasso, è stato chiesto di valutare l’operato del governatore uscente del Molise, Paolo Di Laura Frattura, e di esprimersi in merito alla fiducia nei suoi confronti.
Solo il 17% degli intervistati in tutto il Molise ha valutato positivamente l’operato della giunta, mentre il 70% ha valutato negativamente quanto fatto dall’amministrazione durante i cinque anni di mandato.
Anche per quanto riguarda la fiducia nel governatore Paolo Di Laura Frattura sono emersi risultati negativi in modo schiacciante. Infatti solo il 15% ha dichiarato di aver fiducia in Frattura, mentre ben il 74% di avere poco o per nulla fiducia. Dato da non trascurare è inoltre quello inerente al grado di fiducia di chi ha votato Frattura alle scorse regionali del 2013: solo il 28% dei suoi elettori dichiarano di avere attualmente fiducia in lui.
L’istituto Winpoll ha inoltre analizzato i flussi di voto rispetto alle regionali del 2013, da cui è emerso che solo il 24% di chi ha votato Paolo Di Laura Frattura lo rivoterebbe alla prossime regionali.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

A breve: pronto telefoniamo per conto del candidato…

di Massimo Dalla Torre Destra, Sinistra, Centro, questo è il dilemma che, in questi giorni, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*