Home / Politica / I sindaci del cratere ribadiscono il No al centro hub di San Giuliano di Puglia

I sindaci del cratere ribadiscono il No al centro hub di San Giuliano di Puglia

I sindaci del cratere Donato D’ambrosio, Nicola Montagano e i consiglieri Enzo Rosati, Claudia Lalli e Salvatore Mastrogiacomo, sono stati ricevuti dal Presidente della Regione Paolo Frattura per discutere della problematica relativa alla realizzazione del centro hub di San Giuliano di Puglia. Dopo aver approfondito e riportato l’incontro avuto nei giorni scorsi con il Prefetto di Campobasso, si è ribadito in sostanza di posticipare qualsiasi tipo di decisione di attuazione del progetto a dopo le elezioni regionali e nazionali. Nello specifico si è ribadito la ferrea volontà da parte delle amministrazioni locali di dire no al centro hub, e di riconvertirlo ad un nuovo progetto di vera integrazione denominato progetto “rondine”.Tale progetto consiste in una scuola di alta formazione che  pone al centro l’esperienza culturale, civile e sociale dei giovani dello Studentato internazionale, provenienti da territori e Paesi lacerati dall’odio e dalla guerra, che imparano a convivere con l’altro e a trasformare il conflitto in maniera creativa.
Le amministrazioni , inoltre hanno espresso forte preoccupazione anche per l’ ipotesi di delocalizzazione di alcuni servizi e presidi essenziali per la sicurezza del territorio come i vigili del fuoco di Santa Croce di Magliano, la caserma dei carabinieri di Colletorto e per una parte dell’organico dei cc del comune di Bonefro al ex villaggio di San Giuliano di Puglia. Il Presidente ha accolto le richieste delle amministrazioni e ha promesso il suo impegno nel contattare e discutere della questione nuovamente con il Prefetto di Campobasso al fine di poter soddisfare le istanze delle comunità interessate 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Ma Renzi non ha fatto già danni enormi al Pd?

di Vincenzo Cordisco Cari dirigenti, segretari ed ex segretari del pd, o forse meglio dire …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*