Home / Campobasso / Seac, grazie alla mediazione del prefetto di Campobasso, risolta la questione
Campobasso - pullman Seac

Seac, grazie alla mediazione del prefetto di Campobasso, risolta la questione

Si è conclusa oggi, dopo una lunga e delicata attività di mediazione svolta dal Prefetto di Campobasso Maria Guia Federico, la vertenza connessa al licenziamento di otto lavoratori della SEAC, società che gestisce il servizio di trasporto urbano del capoluogo. Con viva  soddisfazione di tutte le parti coinvolte e dei lavoratori interessati è stato siglato, al tavolo della Prefettura, un accordo  con cui la Regione Molise, il Comune di Campobasso e l’azienda di trasporto si sono impegnati, anche con la previsione della relativa tempistica, a porre in essere gli adempimenti amministrativi finanziari di rispettiva competenza, al fine di garantire la regolare prosecuzione del servizio e la salvaguardia dei livelli occupazionali.  Tale intesa ha reso possibile la successiva sottoscrizione, avvenuta a margine dell’incontro, di singoli verbali di accordo tra la SEAC e ciascuno dei lavoratori, assistiti dai rappresentanti sindacali, in qualità di conciliatori, concernenti la revoca dei licenziamenti, il conseguente reinserimento lavorativo delle maestranze con la conservazione dei diritti acquisiti in merito all’anzianità di servizio.  Le Organizzazioni sindacali hanno preannunciato la revoca immediata del presidio attuato sino ad oggi dinanzi alla sede aziendale, nonché dello sciopero proclamato per il 27 novembre prossimo.  Il risultato raggiunto grazie all’azione posta in essere dal Prefetto per comporre i diversi interessi coinvolti, è frutto anche dell’ampia disponibilità manifestata dai vertici delle amministrazioni regionale e comunale, nonché dell’apertura ad un sereno confronto mostrata dalla parte datoriale, dai sindacati e dalle maestranze.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Patriciello: “I giovani, ossatura dell’Europa”

“Il futuro dell’Europa è proprio qui, oggi, in questa sala, quel futuro ha il vostro …

Un Commento

  1. Sì, perché se fosse stata di mera competenza dell’attuale esecutivo, quei poveracci adesso sarebbero a spasso. E’ davvero imbarazzante…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*