Home / Politica / Seac: “Gli autisti che non hanno lavorato non possono essere retribuiti”

Seac: “Gli autisti che non hanno lavorato non possono essere retribuiti”

A seguito del nostro articolo di ieri, registriamo la replica del legale rappresentante della Seac, Costantino Potena

“Non capisco perché vi esponete sempre a critiche sterili e prive di fondamenta.  Intanto gli utenti sono stati avvisati della sospensione del servizio dalle ore 17.00 di giovedì, venerdì e sabato e della sospensione totale di domenica 18 Corpus Domini.  Le disposizioni sono arrivate dal Comune per motivi di viabilità e sicurezza.  Le due navette sabato pomeriggio e domenica per L’intera giornata hanno funzionato e al contrario delle ns. previsioni hanno portato gente.  Naturalmente chi non ha lavorato non può essere retribuito.  Nessun accordo si può trattare con il sindacato non avendo più in azienda la RSU.  Per ciò che riguarda il pagamento è tutt’altra cosa.  Farebbe cosa giusta questa testata parlare qualche volta della correttezza della S.E.A.C. Che da 6 mesi non riceve contributi ma paga regolarmente tutti i propri dipendenti e fornitori.  Tanto per dovere di cronaca”.

  Ci fa piacere la risposta del legale rappresentante della Seac. Prendiamo atto, ed è la verità, che la Regione versa al Comune, ogni sei mesi, il contributo per il servizio di trasporto pubblico urbano. La nostra non era, certamente, una critica rispetto alla Seac. L’approssimazione è stata dell’Amministrazione comunale di Campobasso che non si è resa conto di cosa comportasse la sospensione del servizio pubblico a partire, proprio, dal mancato pagamento degli stipendi agli autisti e finire al disagio causato ai pendolari. Urge, per questo, una riprogrammazione dell’intero sistema trasportistico urbano.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Campobasso, la Regione rilancia sul Masterplan

Campobasso, la città che sotto gli occhi attoniti dei cittadini che hanno avuto conoscenza della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*