Home / Campobasso / Seac, per 8 autisti scattato il licenziamento

Seac, per 8 autisti scattato il licenziamento

Trasporto pubblico urbano a Campobasso sempre più nel caos. La Seac, in queste ore, ha inoltrato le raccomandate a 8 autisti con le quali si procede al loro licenziamento a partire dal prossimo 15 ottobre. In assenza di qualsiasi decisione da parte del Comune di Campobasso, di provvedere cioè a coprire il taglio dei fondi da parte della Regione con risorse proprie di bilancio, la società di trasporti ha deciso di troncare il rapporto di lavoro con 8 autisti. Diversamente, invece, hanno fatto i comuni di Termoli e Isernia che, invece, hanno coperto il taglio dei fondi della regione facendo ricorso a risorse proprie. Come se non bastasse, la stessa Seac ha deciso di interrompere, dal prossimo 1 ottobre, l’utilizzo delle cosiddette tessere bianche per i disabili e di quante altre categorie rientranti nel benificio di legge. L’azienda, infatti, è da due anni che attende il pagamento delle relative spettanze per il servizio garantito. Mentre permangono le difficoltà del pagamento degli stipendi agli autisti per i ritardi nell’erogazione delle spettanze dallo scorso mese di luglio nonché del taglio di 300mila euro adottato nei confronti della Seac. Una situazione, quella del trasporto pubblico urbano, che è letteralmente sfuggita di mano all’amministrazione comunale di Campobasso e che si sta riversando in termini assai negativi sui cittadini e, ora, anche sugli 8 autisti licenziati. L’assenza di un Piano dei trasporti, di un ufficio preposto e di mancati confronti ha determinato una situazione di caos nel settore del trasporto pubblico urbano che danneggia, ulteriormente, una città capoluogo che non riesce ad erogare più nemmeno i servizi essenziali. Un’amministrazione comunale alla deriva che sta facendo segnare alla città un regresso sotto tutti i punti.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Fruttagel, un contratto qualificante

Il 25 giugno è stato sottoscritto il contratto integrativo aziendale per lo stabilimento Fruttagel di …

Un Commento

  1. Si fanno prima i passi più lunghi della propria gamba e poi si giunge a soluzioni drastiche come questa. E se lo stesso accadesse ai membri del Comune che hanno decretato il licenziamento? Riderebbe bene chi riderebbe ultimo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*