Home / Campobasso / Scuole danneggiate, due giovani denunciati
SONY DSC

Scuole danneggiate, due giovani denunciati

Negli ultimi giorni, su disposizione del Questore Caggegi, la Polizia di Stato ha potenziato i servizi di controllo del territorio e di contrasto alla criminalità diffusa, unitamente ai militari dell’Arma dei Carabinieri, a seguito dei fenomeni di danneggiamento, intrusione e conseguente furto ai danni di alcuni istituti scolastici del Capoluogo che hanno destato un vivo allarme sociale. Ieri sera gli operatori della volante nell’effettuare il servizio di controllo del territorio nei pressi dell’Istituto Tecnico Industriale “G. Marconi” hanno udito, un forte rumore di vetri rotti provenire dal plesso scolastico. Allarmati da ciò, ad un più accurato controllo, hanno notato un gruppetto di ragazzi nei pressi del passaggio a livello di via San Giovanni che alla vista dell’auto della Polizia si è dileguato. Prontamente sono stati bloccati e identificati due ragazzi di Campobasso, uno di 19 ani e l’altro minorenne. Quest’ultimo presentava una ferita ad una mano. Ad un accurato controllo degli uomini dell’Ufficio Prevenzione Generale è emerso che effettivamente nei pressi dell’istituto scolastico erano stati infranti dei vetri e vi erano tracce di sangue a terra. Il ragazzo ferito è stato affidato e accompagnato dal padre in ospedale per le medicazioni del caso e l’altro dopo aver inizialmente negato ogni responsabilità, ha ammesso che insieme all’amico ha rotto i vetri della scuola con delle pietre prelevate a terra. I due ragazzi sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria, in stato di libertà, per danneggiamento aggravato.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Campobasso dov’è?

Tra serrande chiuse e strade dissestate dove mai porterà questa miope e sterile azione politica, …

Un Commento

  1. Ma che significa “denunciati”? Pagheranno o no per lo scempio compiuto? Possibile che in questa benedetta città nessuno paghi mai per quello che fa??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*