Home / Politica / Scarati: “Ittierre, riaccendiamo la speranza”

Scarati: “Ittierre, riaccendiamo la speranza”

Il segretario Generale UILTEC Molise,   Carlo Scarati, ha scritto al presidente della Giunta regionale sulla questione Ittierre

 

Caro Presidente,

Le scrivo questa lettera aperta, in qualità di cittadino che, prestando la propria opera sociale, nella fattispecie sindacale, vorrebbe che gli egoismi di sigla, di appartenenza politica, di comitati costituitisi a vario titolo, antepongano il bene della collettività, ai propri egoismi e  che, ci  mettessimo TUTTI attorno ad un tavolo, nessuno escluso, per dare un segnale di speranza alle oltre mille famiglie che con l’ITTIERRE vivevano, ed oggi, hanno perso ogni riferimento economico, spazzando via nei fatti, una delle due province molisane. Anche la strada dell’area di crisi complessa, fortemente voluta dal sindacato e dalle forze politiche non ha dato frutti, secondo il mio parere con colpe di chi poteva ma non ha fatto nulla e qui, non escludo nessuno, visto che la vicenda ITTIERRE ha visto la politica TUTTA impegnata da un paio di lustri, senza trovare alcuna soluzione, se non gli ammortizzatori sociali.  Il know how dei Dipendenti dell’ITTIERRE non ha eguali in Italia: è possibile che non si riesca a far atterrare un’azienda del settore che voglia esaltare il vero made in Italy, nel territorio di Isernia? Temporeggiare oltre sarebbe un delitto, con novembre tutti hanno terminato gli ammortizzatori sociali ma chiedere deroghe o quant’altro svilirebbe il nostro ruolo: dobbiamo creare lavoro, l’unica cosa che può rimettere in moto quell’area geografica; a tal proposito ho avuto la disponibilità piena del mio Segretario Generale, Paolo Pirani, di tentare ogni strada presso i ministeri di riferimento, ogni possibile soluzione che la Regione Molise voglia perseguire. Ci convochi e vediamo di trovare soluzioni, affinchè un giorno, guardando i nostri figli o i figli di quel territorio, i sensi di colpa non ci divorino!

 

Di admin

Potrebbe Interessarti

Liste d’attesa, il calvario

157 giorni per una Tac al Cardarelli, 365 per un ECOCOLOR DOPPLERGRAFIA CARDIACA al Veneziale …

Un Commento

  1. Ma non si è ancora capito, ogni azione che si è fatta, a partire dalla nomina dei commissari nel il 2009, è stata negativa, ogni azione intrapresa in merito alla ITTIERRE si è dimostrata un fallimento; casualità, fatalità, sfortuna nera?
    O forse è stato voluto, o non si è fatto nulla per evitare, che andasse così?
    Comunque sia andata so solo che la provincia di IS è in crisi che, a meno di fattori esogeni perchè di endogeni non ne vedo, credo irreversibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*