Home / Politica / “Scabbia, epatiti, ecc. migranti senza controlli sanitari”

“Scabbia, epatiti, ecc. migranti senza controlli sanitari”

“Nelle scorse ore ho provveduto a depositare in Consiglio regionale un’interrogazione al presidente della giunta regionale Paolo Di Laura Frattura – commissario straordinario della sanità in Molise per sollecitare un’urgente soluzione alla vicenda legata alla mancata attuazione dei protocolli sanitari riguardanti i migranti”. Lo scrive il consigliere regionale, Francesco Totaro.  “L’interrogazione riprende le doglianze giunte dai responsabili dei centri di accoglienza per richiedenti asilo della Provincia di Campobasso, che nelle scorse settimane hanno rappresentato e denunciato la drammatica situazione sanitaria in cui vertono i migranti. Loro si legge “giunti nei centri, nonostante i protocolli sottoscritti dalla Prefettura e l’ASREM non sono sottoposti ad alcun tipo di screening sanitario necessario a scongiurare la presenza di malattie infettive quali tubercolosi o epatiti o di parassitosi come la scabbia, frequente fra i migranti, mettendo a serio rischio la salute degli altri migranti già presenti nelle strutture con cui verrebbero a convivere, nonché di noi gestori, degli operatori e della cittadinanza tutta”. Stando alle affermazioni dei responsabili dei centri di accoglienza sono già decine i casi di scabbia, epatite ed anche tubercolosi non diagnosticate all’arrivo. Nonostante i due protocolli esistenti (n. 36352 del 21/07/2015 e n.55158 del 06/09/2016) prevedano l’esatta procedura da seguire per garantire la giusta assistenza sanitaria ed il pieno rispetto dei diritti fondamentali alla persona. Di qui, dunque, la mia interrogazione al commissario Frattura perché a far rispettare i protocolli d’intesa sottoscritti con la Prefettura e reperire al più presto il personale sanitario da assegnare specificatamente all’assistenza sanitaria ai migranti”.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Molise, un’economia ancora ferma

Un’economia, quella molisana, che, proprio, non riesce a riprendere quota, a respirare quel tanto di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*