Home / Politica / “Sanità, addio all’autonomia”

“Sanità, addio all’autonomia”

“Purtroppo le preoccupazioni espresse negli scorsi giorni hanno trovato conferma nella giornata di ieri, con il via libera del Senato alla fiducia chiesta dal Governo Gentiloni sul decreto che contiene la “manovrina”, e quindi all’art. 34 bis con il quale il piano sanitario del Molise diventa legge dello Stato”. Lo scrive il consigliere regionale, Fusco Perrella.

Il passaggio che si è consumato ieri al Senato – sottolinea Angela Fusco Perrella –  ha decretato un unico risultato: il Molise perde la sua autonomia funzionale e decisionale in materia sanitaria, aprendo una fase di grave emergenza costituzionale, un atto di una gravità inaudita forse non avvertita dall’attuale Governo regionale, e che avrà come esito quello di cancellare ogni forma di confronto e dibattito in Consiglio regionale sul tema della sanità, escludendo di conseguenza da qualsiasi possibilità di partecipazione alla programmazione sanitaria i cittadini molisani, i quali, oltre a vedere messo a rischio il legittimo diritto alla salute, perdono il diritto acquisito alla democrazia rappresentativa”.

Ricordiamo che l’art. 34 bis attribuisce al Commissario ad Acta l’esecuzione del programma operativo straordinario 2015-2018 e l’adozione dei provvedimenti previsto dallo stesso piano.

“Lo Stato in pratica si sostituisce al Consiglio regionale, titolare della potestà legislativa in materia sanitaria, dando la facoltà ad una sola persona di decidere sulla programmazione della sanità nella nostra regione. Una decisione politica – conclude la Fusco – alla quale hanno cercato di opporsi i parlamentari molisani, e questo va loro riconosciuto per onestà intellettuale, che segna il definitivo esautoramento del Consiglio regionale, il quale non potrà più incidere in nessun atto di programmazione territoriale, e al contempo sancisce la fine dell’autonomia regionale come concepita e realizzata dai padri fondatori di questa regione”.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Berlusconi: “Il centrodestra può governare il Molise”

“Abile oratore, ma assolutamente non adatto a governare il Molise. Sono rimasto in campo ancora …

3 commenti

  1. Maria Luisa Amato

    I primi a causare lo sfascio della sanità siete stati voi del vecchio entourage, signora Perrella, con le vostre clientele, i posti inutili creati per ingraziarsi o ingraziare un determinato bacino elettorale, eccetera eccetera. Suvvia, taccia almeno per dignità!

  2. Attilio Crescimbeni

    Mah, che queste affermazioni provengano proprio da chi ha preparato tappeti rossi allo sfascio, e’ davvero assurdo. Rido per non piangere.

  3. Magdalena Palladino

    Non so proprio che reazione avere nei confronti di affermazioni del genere: se condividerle nella sostanza o se pensare, oggettivamente, che giungono da chi ha fatto parte, negli anni scorsi, dei posti di comando, dunque di chi ha messo in campo politiche sbagliate che hanno portato a spese pazze, a creazione di reparti inutili o simili nel giro di pochi chilometri, a mancanza di centri di specializzazione, a preferenza del concetto di quantità a quello di qualità. Davvero non so che dire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*