Home / Cronaca / San Pardo, solo un piccolo incidente per un carriere

San Pardo, solo un piccolo incidente per un carriere

“Non è rimasto schiacciato, ma ha soltanto urtato la parte posteriore del carro, il giovane carriere larinese, protagonista suo malgrado di un piccolo incidente, che sta avendo una grande eco sui mezzi di informazione e sui social”. Lo comunica il Comune di Larino. “Nel corso della processione di San Pardo di oggi, nel girare il carro in via Leone, Antonello vi ha sbattuto contro.
Per sicurezza, è stato immediatamente trasportato al Pronto Soccorso di Termoli, dove gli è stata riscontrata una semplice contusione all’anca. Dimesso poco fa, è già a casa, a Larino.
E augura una buona prosecuzione della festa di San Pardo a tutti!”

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Muore un centauro sulla Statale 17

Forse un malore o una distrazione le cause dell’incidente mortale di questa  mattina intorno alle …

2 commenti

  1. E’ una festa magnifica, unica nel suo genere. La maestria e la pazienza con cui vengono preparati i fiori sono enormi. Va vissuta con lo spirito di chi vuole immergersi nella genuinità delle tradizioni, nella spontaneità dei gesti, nella solidarietà della popolazione attorno al segno distintivo del suo territorio, nei valori VERI che travalicano l’ipocrisia dei nostri giorni. Viva San Pardo, viva Larino!

  2. Demetrio Colacci

    La particolarità di questa festa non è solo nella preparazione minuziosa degli addobbi floreali che vengono apposti sui carri, ma anche nella sua durata (tre giorni) e nel fatto che si prelevano le statue dei martiri larinesi in diversi momenti per portarli a “far visita” al festeggiato: San Pardo, appunto. E’ difficile descrivere l’atmosfera che si respira in quei giorni, ma anche quella che la precede, i preparativi delle donne e dei bambini per gli addobbi, l’addestramento dei buoi, i consigli delle nonne per la buona riuscita dell’evento. E’ tutto a dir poco magico. Invito quindi tutti, anche chi abita fuori regione, a prendervi parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*