Home / Politica / Ruta:” Conservatorio Perosi salvo. Buone nuove per le piccole sale cinematografiche”

Ruta:” Conservatorio Perosi salvo. Buone nuove per le piccole sale cinematografiche”

“Esprimo la mia piena soddisfazione perché il Governo ha deciso di stabilizzare, nella Legge di bilancio, i docenti da molti anni precari dei conservatori, tra cui i tanti del nostro conservatorio “Lorenzo Perosi”, che avevano superato selezione pubblica e che insegnano in molti casi da ben oltre 10 anni”. Lo scrive il senatore, Roberto Ruta che ha presentato appositi emendamenti.  “La loro stabilizzazione è stata oggetto di appositi emendamenti che ho presentato per garantire la giusta continuità all’opera da loro svolta, così come è stato rispedito al mittente il tentativo di accorpare o togliere autonomia al nostro Conservatorio”. Soddisfazione, anche, per l’aumento del fondo per i Parchi Nazionali di cui beneficerà anche l’istituendo Parco Nazionale del Matese. Sempre Roberto ruta, poi, sottolinea la bontà del fondo, da oggi fino al 31 gennaio 2018, a valere sul Fondo per l’anno 2017 pari a 30 milioni di euro, è possibile proporre domanda per la riattivazione di sale cinematografiche chiuse o dismesse, per nuove sale o per l’ammodernamento tecnologico o il rinnovo di sale esistenti.

L’ordine di priorità delle domande seguirà i seguenti criteri:

1)sale cinematografiche ubicate in comuni che hanno subito eventi sismici;

2)sale cinematografiche storiche, ovunque ubicate;

3)sale cinematografiche ubicate in comuni con popolazione inferiore a 15.000 abitanti.

Il contributo a fondo perduto pari al 60% degli investimenti realizzati è aumentato fino all’80% se gli interventi vengono realizzati da micro imprese e fino al 70% se realizzati da piccole imprese.  La priorità per i comuni che hanno subito eventi sismici e/o con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti è la norma frutto dell’emendamento che avevo presentato e che è stato approvato, garantendo un’opportunità per le nostre realtà molisane, come Casacalenda, Santa Croce di Magliano, Guglionesi, Petrella, Bojano e Venafro, solo per citarne alcune.  Poiché in caso di coinvolgimento degli enti locali con aumento dell’offerta ad attività ed eventi culturali, creativi, multimediali e formativi, aumenta il punteggio nella graduatoria nazionale, è auspicabile l’immediata attivazione da parte dei comuni interessati per riuscire ad ottenere i fondi a disposizione per l’anno 2017 e garantire la ristrutturazione di immobili, in molti casi di pregio e di valore storico-architettonico”.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

ROMAGNUOLO (LEGA): UN MIO ORDINE DEL GIORNO A DIFESA DEI  LAVORATORI FORESTALI

“Sarà mia premura presentare al prossimo Consiglio regionale del Molise, un ordine del giorno per …

Un Commento

  1. Mariachiara Amodio

    Un fiore all’occhiello di questa portata non può e non deve mai scomparire dalla regione. I molisani comprendano meglio quali ricchezze culturali ha il Molise e siano coesi nel rivendicare apertamente e strenuamente la loro sopravvivenza!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*