Home / Politica / Ruta candidato alla presidenza della Giunta regionale: centrosinistra spaccato

Ruta candidato alla presidenza della Giunta regionale: centrosinistra spaccato

Ora, è sancito: il centrosinistra molisano si è spaccato. Il voto palese dell’assemblea di Ulivo 2.0 riversatosi su Roberto Ruta come candidato alla presidenza della Giunta regionale, dopo il ritiro delle candidature di Adele Fraracci e Angelo Di Stefano, ha nei fatti, rotto ogni possibilità di accordo con l’altra parte del centrosinistra, che si raccoglie intorno al Partito democratico e che vede, ancora, Paolo Frattura, come possibile candidato. Tutto questo, in attesa del voto di  domenica per le Politiche quando saranno gli elettori a delineare il quadro politico attraverso il voto. La conta di questi, infatti, andrà a determinare nuovi scenari. E’ evidente che Ulivo 2.0., che al suo interno vede esponenti di Liberi e Uguali e della sinistra,  attende una debacle del Pd e dei suoi alleati per, poi, porsi come punto di forza dello schieramento. “Noi siamo il vero centrosinistra – ha ribadito non a caso Roberto Ruta – dopo il voto unanime dell’assemblea. Assemblea, che aveva visto le candidature di Adele Fraracci e Angelo Di Stefano. La prima, dopo il suo intervento ha dichiarato di ritirare la candidatura per sostenere quella di Roberto Ruta. Angelo Di Stefano, invece, dopo avere chiesto il voto per sé ha, successivamente, come un colpo di teatro, ritirato la candidatura. A quel punto, l’assemblea dei delegati dei movimenti che fanno capo a Ulivo 2.0, con voto palese, all’unanimità ha votato per Roberto Ruta come candidato alla presidenza della Giunta regionale. Un passaggio che sancisce, dunque, la definitiva rottura all’interno dello schieramento del centrosinistra. E con un occhio all’esito del voto di domenica prossima.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

A Campobasso la sesta tappa del “Giro d’Italia delle donne che fanno impresa”

Dicono che siano l’altra metà della luna: metafora aulica e gentile per alludere, anzi indicare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*