Home / Politica / Romagnuolo: “Decreto Sicurezza, dignità alle Forze dell’ordine”

Romagnuolo: “Decreto Sicurezza, dignità alle Forze dell’ordine”

Il Governo ha finalmente varato il Decreto Sicurezza, strumento questo che rappresenta, grazie alla Lega, uno strepitoso passo avanti per rendere l’Italia più sicura, per contrastare con più efficacia mafiosi e scafisti, per contenere le spese di un’immigrazione esagerata, per espellere più facilmente e velocemente i delinquenti e i finti profughi, per dare più poteri, considerazione e dignità alle Forze dell’Ordine».  E’ quanto dichiarato da Aida Romagnuolo capogruppo della Lega alla Regione Molise, che da sempre si batte per i diritti delle Forze di Polizia. Il Decreto, voluto fortemente dal nostro Matte Salvini, ha continuato Romagnuolo, contiene misure restrittive sui requisiti per ottenere l’asilo, sull’accoglienza, sulle regole d’ingaggio della polizia, sulla revoca della cittadinanza, sulle espulsioni, sulla sicurezza. E, tra le nuove misure restrittive per ottenere l’asilo da parte degli extracomunitari, ha proseguito Romagnuolo, il Governo ha inserito la “violenza contro i Pubblici Ufficiali”, in generale sono gli appartenenti alle forze di Polizia che sono in prima linea per contrastare l’illegalità riguardante qualsiasi comportamento contrario alle norme penali. Con questa misura restrittiva, ha proseguito Romagnuolo, il Governo ha voluto finalmente dare alle forze di Polizia il rispetto e l’autorevolezza che merita il singolo poliziotto che, con la sua divisa, rappresenta lo Stato, quella divisa troppo spesso bistrattata dagli extracomunitari che hanno sempre ritenuto il loro illecito comportamento, privo di conseguenza giuridica. Inoltre, ha concluso Romagnuolo, nel decreto Sicurezza, finalmente è stato approvato lo stanziamento dei fondi per pagare le eccedenze di lavoro straordinario effettuate dalle Forze di Polizia, somme, non ancora liquidate per l’anno 2018.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Di Lucente: “Sul Corecom montata una storia surreale”

“La vicenda delle nomine al Co.re.com sta sfuggendo di mano. Gli attacchi e la campagna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*