Home / Appuntamenti / “Riqualifichiamo il Parco della Rimembranza”, la richiesta di CasaPound in occasione della festa del 4 novembre.

“Riqualifichiamo il Parco della Rimembranza”, la richiesta di CasaPound in occasione della festa del 4 novembre.

ISERNIA. In occasione dei 98 anni dalla vittoria del primo conflitto mondiale, CasaPound esprime all’amministrazione comunale la necessità della riqualifica del Parco della Rimembranza, al fine di ricordare in maniera decorosa tutti gli italiani che si sacrificarono per la propria Patria. “Considerato l’imminente arrivo della festa del 4 novembre – afferma Francesca Bruno, consigliere comunale di CasaPound Italia, in una nota – ci sembra doveroso ricordare nella maniera più consona e decorosa tutti quegli uomini che sacrificarono la propria vita affinché l’Italia potesse così finalmente concludere il percorso d’unificazione iniziato nel Risorgimento con l’annessione di Trento e Trieste. Uomini che ancora oggi sono eroi ed esempi per chiunque voglia sottrarsi alla cultura dominante del liberalismo e dell’individualismo, riscoprendo nella propria storia la bellezza tragica del martirio in nome di un’Idea superiore e il distacco da ogni valore puramente materiale.” “È a tal fine – prosegue la nota – che abbiamo chiesto al sindaco D’Apollonio di intervenire per riqualificare il Parco della Rimembranza, sottraendolo al degrado in cui è attualmente a causa dell’incuria con cui è tenuta l’erba e a causa dei tossicodipendenti che si drogano nelle sue vicinanze. Difatti, è tutt’ora assente anche la festa tricolore che l’ultima volta fu posizionata proprio da CasaPound.” “Fortunatamente – conclude la nota – abbiamo riscontrato nell’amministrazione comunale una reazione entusiasta che dimostra l’attaccamento a quei valori che dovrebbero stare alla base di una Nazione e di un Popolo. Possiamo quindi affermare che la memoria dei nostri caduti sarà tenuta viva nel miglior modo possibile”.”

 

Di Virginia Romano

Potrebbe Interessarti

Terza pagina: “L’impero in provincia” di Iovine, per Luigi Russo, era un piccolo “decamerone”

  di Claudio de Luca Quando Iovine diede alle stampe (1945) “L’impero in provincia”, prese …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*