Home / Campobasso / Riciclaggio, arrestati due molisani

Riciclaggio, arrestati due molisani

Anche due molisani tra gli arrestati nell’operazione dei Carabinieri di Roma che hanno smantellato due sodalizi criminali dediti al riciclaggio di denaro sporco proveniente dalla comunità cinese e dal traffico di stupefacenti. Venti arresti, cinque indagati, 18 milioni di capitali illeciti ‘lavati’ a Londra e diverse compagnie dell’Arma coinvolte, tra cui quella di Campobasso, per smascherare i soggetti finiti in manette all’alba di oggi 30 gennaio.  Tra questi, dicevamo,  ci sono anche due molisani: il primo è un campobassano amministratore di un caseificio nella piana di Vinchiaturo. L’altro è un 40enne, titolare di una ditta di trasporti di Bojano. Il primo, è stato associato alla casa circondariale di Campobasso mentre il secondo è ai domiciliari.

Secondo le prime ricostruzioni, i due imprenditori avrebbero evaso l’Iva e prodotto fatture per operazioni inesistenti.  Il sistema di riciclaggio internazionale funzionava così: i capitali illecitamente raccolti dai cinesi venivano versati in conti correnti di società riconducibili agli imprenditori arrestati. Società che a loro volta emettevano fatture per operazioni inesistenti così da giustificare i cospicui bonifici bancari. A loro volta, le stesse società trasferivano il denaro a Londra sul conto di una società guidata da alcuni prestanome dei cinesi che tornavano in possesso di soldi ripuliti.   I Carabinieri, hanno sgominato le due organizzazioni criminali che facevano capo, la prima, a due imprenditori romani che negli anni hanno riciclato 15 milioni di euro provenienti dalla comunità cinese; la seconda a un altro imprenditore della provincia di Roma che ha riciclato 3 milioni di euro provenienti dal traffico di droga.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

A CUORE APERTO COI LETTORI La sfilata dei Misteri versione autunnale

Caro Dardo, ho letto con attenzione il suo articolo sulla seconda uscita dei Misteri a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*