Home / Politica / “A Renzi nessun nostro voto”

“A Renzi nessun nostro voto”

“La candidata alla Camera dei Deputati per la coalizione di Centro-sinistra Teresa D’Achille ha inteso con un recente comunicato richiamare il voto cattolico molisano sulla sua persona e sul programma proposto dalla coalizione che la sostiene”. Così, il Comitato difendiamo i nostri figli del Molise. “Esso segue la presa di posizione del leader nazionale Matteo Renzi che alla fine della scorsa settimana ha fatto appello al voto cattolico.
Il Comitato “Difendiamo i Nostri Figli” presente ed attivo in Molise e con gran parte del mondo cattolico locale ha realizzato due manifestazioni di piazza, i Family-day del giugno 2015 e del gennaio 2016, più che alle “promesse irrealizzabili” guarda a ciò che il Parlamento passato ed il Governo Renzi ha realizzato.
Come evidenziato nel Comunicato Stampa del 18 febbraio scorso emesso dal Portavoce nazionale Dr. Massimo Gandolfini:
«Ci vuole la faccia foderata di piombo di Renzi per fare un appello al voto cattolico, dopo una legislatura che ha visto un’offensiva senza precedenti all’antropologia umana e alla libertà di pensiero. Basta ricordare – scrive Gandolfini – due fiducie sulle unioni civili, private delle adozioni solo grazie al Family Day, e il voto sul bio-testamento senza libertà di coscienza. A questo si aggiungono – prosegue il Comunicato – le proposte di legge per la legalizzazione delle droghe, il ddl sull’omofobia che colpisce i reati di opinione, i tentativi di introdurre l’ideologia gender nella riforma della scuola e il divorzio lampo. E ancora, qualche giorno fa, la nomina all’Unar di Manconi, personaggio da sempre schierato su posizioni ultra liberiste e pro LGBT».
La risposta che gli elettori molisani riuniti nel locale Comitato “Difendiamo i Nostri Figli” è esattamente la stessa lasciata come pro-memoria davanti ad un milione di persone presenti al Circo Massimo per il Family-day del 30 gennaio 2016: “RENZI CI RICORDEREMO”.
Come anticipato dal portavoce del Comitato Dr. Gandolfini, fedeli allo spirito del Family-day, gli elettori molisani «considerati i loro programmi e la loro concreta storia politica anche recente» non ritengono di poter essere rappresentati (al netto di radicali conversioni dell’ultima ora… magari!): da «PD, LIBERI e UGUALI, M5S, PIÙ EUROPA (Bonino e Tabacci). A questi – conclude Gandolfini e noi con lui – non giunga il nostro voto!».

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

IL MOLISE CHE NON CAMBIA

Questo giornale non ha smesso mai di tenere accesa la specola sulla inattività istituzionale della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*