Home / Territorio / Regione, istituito il Comitato consultivo appalti pubblici

Regione, istituito il Comitato consultivo appalti pubblici

Appalti e corruzione: binomio spesso associato nei resoconti giornalistici e, in maniera salutare, sanzionato penalmente nei tribunali. Fenomeno talmente diffuso, però, che ha richiesto l’istituzione di un’Autorità capace di vigilare e d’intervenire preventivamente. Non c’è chi non sappia, infatti,  della notorietà del magistrato Raffaele Cantone a capo dell’Anac (Autorità nazionale anticorruzione). Anche l’Europa, preoccupata,  ha emanato direttive sull’aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure di appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali.  Un’attenzione a largo raggio, ma necessariamente da mettere a fuoco, da realizzare ad argine della capacità del malaffare di penetrare i gangli della pubblica amministrazione e di asservirli a proprio vantaggio. Di recente è stata diffusa una nota in cui il Molise veniva segnalato a forte rischio di corruttela. Non una buona notizia. Sicuramente migliore quella che riguarda la costituzione del  Comitato consultivo degli appalti pubblici nell’ambito della Centrale unica di committenza istituita con legge regionale del 4 maggio 2015, numero 8, attraverso cui l’Amministrazione regionale, gli enti del sistema Molise, gli enti locali e gli enti del servizio sanitario regionale procedono agli appalti e all’acquisto di beni e servizi. Un accentramento di funzioni, che nella centralizzazione, cioè nella riduzione delle stazioni appaltanti, trova la sua migliore qualificazione, nonché la trova nell’assoluto rigore dei contratti e nella trasparenza delle procedure. A maggiore garanzia, nell’ambito della Centrale unica, peraltro servizio autonomo della presidenza della giunta regionale,  come abbiamo già accennato, è stato istituito il Comitato consultivo composto da rappresentanti istituzionali e da altri soggetti designati da ciascuna associazione di categoria rappresentativa dei settori economici più rilevanti.  Per gli effetti dell’articolo 9, comma 1 del decreto legge 24 aprile 2014 numero 66 convertito in legge 23 giugno 2014 numero 89, la Centrale unica di committenza  è “Soggetto Aggregatore” e, come tale, rientra nella sfera delle competenze dell’Anac. Tornando di nuovo al Comitato consultivo, il presidente della giunta regionale, Frattura, con proprio decreto, ha chiamato a farne parte se stesso;  Pierpaolo Nagni,  quale assessore alle Infrastrutture; Salvatore Micone, quale presidente della  II Commissione consiliare permanente per lo sviluppo economico; Salvatore Ciocca, quale presidente della  III Commissione consiliare permanente per l’assetto e lutilizzazione del territorio; Corrado Di Niro, in rappresentanza dell’Associazione costruttori edili ed affini del Molise; Mario La Vigna, in rappresentanza dell’Ance Molise;  Renato Eliseo, in rappresentanza dell’associazione di categoria Ura Claai Molise – Unione regionale artigiani;  Antonio Patriciello, in rappresentanza dell’associazione Piccola e media industria;  Enrico Ceniccola, in rappresentanza del consiglio dell’Ordine degli avvocati di Campobasso e  Antonella Laurelli, in rappresentanza dell’Ordine dei geologi del Molise. Categoria, quest’ultima,  non prevista nell’avviso pubblico della Regione Molise, ma presa in considerazione “al fine del massimo coinvolgimento di tutte le associazioni di categoria potenzialmente interessate al settore della contrattualistica pubblica, anche alla luce dei recenti eventi sismici verificatisi sul territorio nazionale”. La rappresentanza istituzionale, come si evince dal decreto Frattura, è stata fatta coincidere con il potere regionale e, in esso, un ragionato dosaggio politico e partitico. Data la contiguità tra la politica e l’associazionismo nella realtà molisana, l’assenza di contrasti d’interesse tra  loro (mai nessun contenzioso anche quando la Regione ha ritardato di anni, ad esempio, il pagamento dei lavori di ricostruzione post/terremo), la familiarità interpersonale di diversi componenti, il Comitato consultivo degli Appalti Pubblici filerà liscio sull’olio.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

I Carabinieri celebrano la Virgo Fidelis

Nella splendida cornice del Santuario della Madonna del Canneto nel comune di Roccavivara , alla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*