Home / Politica / Pronto soccorso, al limite del decente

Pronto soccorso, al limite del decente

di Lucio Pastore

Il presidente della regione Molise afferma che con la sua azione e con quella della D’Innocenzo, stanno migliorando le condizioni della sanità molisana. Ormai in Italia c’è l’abitudine di procedere a narrazioni che non hanno alcuna attinenza con la realtà per cercare di far passare un film che non esiste.
Ieri pomeriggio ripensavo alle parole del comunicato stampa del presidente in una bolgia infernale di pazienti accatastati su barelle, con il 118 che continuava a scaricare pazienti, con 2 medici e due infermieri ed un portantino che dovevano assistere mediamente a 32 pazienti presenti nei locali del pronto soccorso ed altri che reclamavano in sala di attesa. Il collega medico usciva dal secondo turno di 12 ore fatto in due giorni per la mancanza di personale.
Si sono chiusi ospedali e reparti, con riduzione di posti letto, si è ridotto il personale nelle aree critiche, senza creare alternative territoriali. Le apparecchiature sono sempre più obsolete, i sistemi informatici ci obbligano a trascorrere gran parte del tempo a digitare e non assistere i pazienti perché la finalità è quella di raccogliere dati non di facilitarci il lavoro. Per non parlare del degrado strutturale degli ambienti. In queste condizioni, denunciate da molti anni e mai affrontate, è naturale che i pronto soccorso diventino delle bolge infernali. Poi , al primo incidente, qualcuno parlerà di malasanità, attribuendola agli operatori.
Con tutta l’esperienza di anni di lavoro vi assicuro che è impossibile aver presente la situazione sanitaria di 32 pazienti e la possibilità di assisterli adeguatamente in queste condizioni. Ma la narrazione del presidente è che tutto è migliorato per cui i soldi possono essere indirizzati verso le strutture private come sta facendo, mentre destruttura il pubblico.
Spero che tutti i pazienti e parenti presenti nei nostri locali si ricorderanno di quello che hanno vissuto e verranno in supporto a questo racconto altrimenti la narrazione idilliaca del tutto va magnificamente travolgerà noi e loro.
Tutto questo per trasformare il diritto alla salute in merce da cui trarre profitto…..

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

IL MOLISE CHE NON CAMBIA

Questo giornale non ha smesso mai di tenere accesa la specola sulla inattività istituzionale della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*