Home / Politica / I Proci della privatizzazione dell’acqua

I Proci della privatizzazione dell’acqua

di Giuseppe Saluppo

Attenti. I proci della privatizzazione si sono già insediati nella casa di Ulisse dell’acqua pubblica e si stanno attivamente dando da fare per consegnare ai privati il controllo delle risorse idriche molisane. Proci, metafora di caratteri e indoli più o meno declinati alla hybris (la tracotanza). Sta giungendo a compimento, infatti,  un disegno pensato e perpetrato da anni: fare in modo che all’appuntamento decisivo il pubblico non si potesse presentare con le carte in regola per ottenere la gestione del ciclo integrato delle acque. Negli scorsi anni il tempo è stato lasciato trascorrere senza por mano ad una efficace e concreta azione di risanamento e qualificazione dell’azienda pubblica, Molise Acque che gestisce il servizio idrico. Sarebbe servito che si ponesse attenzione alla necessità di allargare le competenze, fino ad includere la gestione fognaria e la depurazione, ma non è stato fatto. Sarebbe servita una decisa azione di risanamento finanziario, ma i crediti sono stati lasciati a crescere. Il tempo è trascorso, quello che si poteva fare non è stato fatto ed oggi, prendendo a pretesto la grave situazione finanziaria che si è venuta determinando, si piazza il colpo finale per aprire la via ai privati. Ed il grave è che i molisani non potranno esprimersi nemmeno con un referendum contro la legge che la Regione ha voluto a tutti i costi per l’istituto referendario non è stato normato con apposita disposizione regolamentare. L’acqua, unica vera risorsa del Molise ce la scipperanno e noi la dovremmo pagare dieci volte in più. Come dire,  il rimedio rischia di essere peggiore del male.. E a rimetterci sono gli utenti costretti a far fronte a un’esplosione dei prezzi delle bollette. Insomma, una fregatura su tutta la linea. Cui prodest?

 

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Campobasso, la Regione rilancia sul Masterplan

Campobasso, la città che sotto gli occhi attoniti dei cittadini che hanno avuto conoscenza della …

Un Commento

  1. Se il referendum non è stato normativa la raccolta firme è sempre possibile. Lo so che il valore legale non è lo stesso ma una quantità di firme a valanga non può oggettivamente essere ignorata specie in tempi preelettorali … perciò, in modo trasversale, cioè senza che nessuno possa mettere il cappello su questo tema, armatevi di fogli e penne !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*