Home / Politica / “Primarie Pd, pochi iscritti al voto. Gestione autoreferenziale e poco democratica”

“Primarie Pd, pochi iscritti al voto. Gestione autoreferenziale e poco democratica”

Alle primarie molisane del PD hanno votato in 1.100 tesserati, di cui solo 63 a Campobasso; sono numeri risibili per un partito che governa, quasi incontrastato, la Regione Molise ed i comuni di Campobasso e Termoli. Sul risultato del congresso del Partito Democratico in regione è intervenuto il coordinatore regionale della ‘mozione Emiliano’, Giose Trivisonno. ” La disaffezione al PD, dovuta ad una conduzione autoreferenziale e poco democratica, sia in Molise che in Italia, si evidenzia nel dato piů emblematico di questa fase del congresso: la scarsa affluenza degli iscritti ben sotto il 50% degli aventi diritto. La stanchezza dei nostri militanti, con Michele Emiliano, si trasformerà in entusiasmo e speranza. La distanza fra partito e cittadini va colmata con l’ascolto, il dialogo e la coerenza. Renzi e Fanelli non sono in grado di raccogliere questa sfida“. Sui voti ottenuti da Michele Emiliano, Trivisonno sottolinea che “il Molise è la quarta regione in Italia con il consenso più alto per Michele Emiliano. La prima fase congressuale, dunque, si chiude con l’obiettivo raggiunto di ammissione alla consultazione del 30 aprile: adesso è il momento, per tutti quei cittadini che, seppur non tesserati, hanno a cuore il centrosinistra, di far sentire la propria voce e lavorare per un Pd che sia aperto, plurale e punto cardine della coalizione di centrosinistra”. 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Patriciello: “I giovani, ossatura dell’Europa”

“Il futuro dell’Europa è proprio qui, oggi, in questa sala, quel futuro ha il vostro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*