Home / Territorio / “Poste sta distruggendo il servizio in Molise”

“Poste sta distruggendo il servizio in Molise”

“A nulla è valso lo sciopero generale del 1^ giugno scorso. Il Molise, per Poste Italiane, non esiste più”. Questa, l’amara costatazione della Cgil che, unitamente alla Uil, aveva già manifestato lo scorso 1 giugno contro i continui tagli dell’azienda Poste in Molise. Una posizione, quella di Poste italiane, che sta dimezzando i servizi sul territorio molisano e non manifesta alcuna volontà di rivedere la posizione assunta. “E così – prosegue la Cgil – ci troviamo alle prese con ulteriori razionalizzazioni estive. Per garantire le ferie estive, si continuano a chiudere uffici, o a giorni alterni o nel turno pomeridiano. Ma trasformazioni da part time in full time, ZERO! Assunzioni, ZERO! Trasferimenti in entrata, ZERO! A fronte di tutto ciò – sottolinea il sindacato  – abbiamo uffici periferici senza personale, zone di recapito non servite regolarmente, turni viaggianti accorpati per mancanza di autisti. E abbiamo una serie di pressioni commerciali, nella Filiale di Campobasso, oramai insostenibili. Ma da soli non possiamo farcela – chiude la nota della Cgil – e, quindi  abbiamo chiesto l’aiuto del Consiglio Regionale”. Qualora non dovessero aversi ravvedimenti da parte di Poste italiane, in relazione all’assurda situazione che si sta avendo in Molise,  la CGIL, ribadisce che continuerà in un percorso conflittuale che, nelle prossime settimane,  porterà a nuovi scioperi, anche nel recapito.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

neuromed-pozzilli

Un estratto naturale per potenziare le terapie contro il tumore cerebrale

Dalla pianta di aloe potrebbe arrivare una potenziale arma in più contro una delle forme …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*