Home / Campobasso / Pilone: “Programmazione mancata dal Comune di Campobasso”

Pilone: “Programmazione mancata dal Comune di Campobasso”

Sulla questione programmazione, cade ancora la Giunta comunale di Campobasso. Entro il 31 Luglio di quest’anno la Giunta avrebbe dovuto presentare al Consiglio il Documento Unico di Programmazione per le conseguenti deliberazioni. Documento Unico di Programmazione (DUP) rappresenta la nuova “piattaforma programmatica” di medio periodo per mezzo della quale sono esplicitati gli indirizzi che orientano la gestione dell’Ente per un numero d’esercizi pari a quelli coperti dal bilancio pluriennale. Nell’ambito dei nuovi strumenti di programmazione degli Enti locali, il DUP è quello che permette l’attività di guida strategica ed operativa. In particolare dati i bisogni della collettività amministrativa (famiglie, imprese, associazioni ed organismi non profit) e date le capacità disponibili in termini di risorse umane, strumentali e finanziarie, l’Amministrazione espone, in relazione ad un dato arco di tempo futuro, cosa intende conseguire , in che modo e con quali risorse In alcuni Comuni che hanno provveduto ad illustrare per tempo questo importantissimo documento – sostiene il Capogruppo di Democrazia Popolare Francesco PILONE – addirittura la fase di preparazione e di stesura è stata anticipata da una serie di incontri esplicativi dove il partenariato economico e sociale delle varie realtà locali si è confrontato con gli organi esecutivi proprio per avanzare proposte ed iniziative utili alla predisposizione dello strumento di programmazione in esame. Non mi risulta che questo sia avvenuto anche a Campobasso – chiude PILONE – ed è un peccato perché si è persa un’occasione di confronto utile ad individuare quelle priorità sulle quali investire”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

“Gam, il rischio è alle porte”

“La retrocessione dei lavoratori da GAM a Solagrital  sancirebbe, oltre alla fine del rilancio della …

Un Commento

  1. Gianpaolo Mazzuccato

    Campobasso è una città assurda, inverosimile: tutto quello che altrove si fa da noi non si fa. Tutto quello che viene visto come elemento migliorativo per la città, da noi non viene visto. Davvero non è più piacevole vivere nel capoluogo. Zero su tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*