Home / Politica / Di Pietro: “Parte la caccia selettiva al cinghiale”

Di Pietro: “Parte la caccia selettiva al cinghiale”

“Istituita con delibera di giunta la caccia di selezione con il metodo dei selecacciatori e approvato il relativo Regolamento, su parere favorevole espresso dall’ISPRA, nel corso dell’incontro è emerso che sono autorizzati al prelievo selettivo degli ungulati solo i cacciatori molisani che hanno seguito i relativi corsi di formazione attivati nell’anno 2012, secondo quanto previsto dall’articolo 18 della legge 157 del 1992”. Lo scrive il consigliere regionale delegato alla Caccia, Cristiano Di Pietro.  “Coloro che, invece, ai sensi dell’art. 19 della summenzionata legge hanno conseguito la qualifica di “selecontrollore” nell’anno 2005 non sono abilitati alla caccia di selezione. Con selecontrollore, infatti, si intende unicamente un organo dello Stato (Corpo Forestale, Guardie comunali munite di porto d’armi ecc..) abilitato attraverso uno specifico corso di formazione a cui viene affidato un piano di abbattimento per il contenimento dei cinghiali.  Pertanto, tutti i cacciatori interessati dovranno abilitarsi solamente attraverso i nuovi corsi organizzati dai rispettivi Ambiti Territoriali di Caccia che partiranno a breve.  Intanto gli AA.TT.CC. provvederanno a raccogliere le varie manifestazioni di interesse per capire il numero dei potenziali iscritti in modo da organizzare al meglio i relativi corsi di formazione sul territorio molisano. Inoltre, sempre nell’ottica e con il duplice intento di monitorare e preservare il patrimonio faunistico regionale migliorando al contempo anche il mondo venatorio, da sottolineare il prossimo avvio di studi sulla quaglia e sulla volpe”.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

IL MOLISE CHE NON CAMBIA

Questo giornale non ha smesso mai di tenere accesa la specola sulla inattività istituzionale della …

Un Commento

  1. Sembra di vivere un film dell’assurdo: si pensa ai cinghiali e si disattendono tutte le promesse relative all’installazione di telecamere di sorveglianza, necessarie come il pane alle nostre città, soprattutto a Campobasso. E’ come dire: pensiamo agli accessori, tanto alle cose essenziali ci penserà qualcun altro. Eh già, perché in inverno ci si veste con la borsetta per ripararsi dal freddo, non con il cappotto. Sono esterrefatta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*