Home / Politica / Patto del Molise o trailer suggestivi prima dell’addio alla Regione?

Patto del Molise o trailer suggestivi prima dell’addio alla Regione?

di Giuseppe Saluppo

Una serie di trailer suggestivi. E’ il Patto del Molise, quello che si vuole fare passare per qualcosa che va a stravolgere l’assetto della regione. Al contrario, si tratta di soldi che la Regione Molise avrebbe avuto in ogni caso. Al di là del “sacco di abitanti”.  Vorrei insinuare un dubbio. E se questo Patto non fosse l’asse capace di farci guardare il futuro ma solo il passaggio tra due fasi diverse della regione? Mi spiego meglio. Solo un momento, un gigantesco contratto a progetto, che scade appena il film rimette da parte i trailer e non ci lascia più una regione?  Possibile, che nessuno si stia accorgendo che questa regione naviga verso il punto di naufragio?  Non si registra un solo atto di rinsavimento. Un tentativo per correggere la rotta di collisione. Come se ci trovassimo dinanzi ad un collettivo schettiniano che disbriga le pratiche del disastro. Non una progettazione, non una programmazione, non un confronto di idee e di prospettive. Solo l’incedere verso una sorte che appare segnata con una serie di dissonanze che danno vita ad un agglomerato di suoni dall’effetto aspro e stridente e con una cadenza d’inganno per chiudere il tutto. Bisognerebbe, invece, fare rete sul territorio con l’università, con gli incubatori di imprese, con le associazioni imprenditoriali e sociali perchè non è una opzione ma una necessità. E dalla Pubblica Amministrazione pretendere semplificazione, certezza del diritto, tempi rapidi: condizioni che in tutti i Paesi che si definiscono civili sono assicurate ordinariamente. Abbiamo avuto un’imprenditoria agevolata e incentivata oltre misura in passato e il fallimento di quel modello di sviluppo lo vediamo oggi anche dalla fuga dei nostri giovani all’estero mentre, dall’altro lato, siamo meta di flussi migratori dall’Africa che, se non correttamente gestiti saranno in futuro, insieme alla diminuita natalità del Molise, problematiche critiche. A poppa, possibile, non ci sia nessuno ad ascoltare?
 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Romagnuolo: “San Stefar, assurda situazione”

“Chiedo che si faccia immediatamente piena luce su una vicenda che, secondo il mio punto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*