Home / Politica / Il paradosso: Battista e Coia strappalacrime per mancanza di fondi ma sostenitori delle politiche governative

Il paradosso: Battista e Coia strappalacrime per mancanza di fondi ma sostenitori delle politiche governative

di Giuseppe Saluppo

Scusate, ma Antonio Battista e Lorenzo Coia, rispettivamente presidenti delle Province di Campobasso e Isernia, entrambi del Pd, nel corso della conferenza stampa strappalacrime per la mancanza di fondi da destinare a strade, scuole, ecc., non avrebbero dovuto puntare l’indice contro il loro stesso partito? Scusate, ma non è stato proprio il Pd e il governo Renzi a fingere di cancellare le Province, lasciando loro funzioni importanti, senza provvedere alle risorse finanziarie indispensabili per svolgerle?  Scusate, dicono che la scarpa è stretta, si è rimpicciolita e continuano a tenervi il piede? Boh! Le Province. Enti che il governo Pd diceva di ritenere inutili e che Renzi, con la sua controriforma, sonoramente bocciata dagli elettori, cancellava dalla Costituzione, dopo avere tolto ai cittadini il diritto di eleggerne gli amministratori per farli nominare dalle segreterie dei partiti. Può essere catalogata come riforma, “modificazione sostanziale, ma attuata con metodo non violento”, la  manìa “distruttrice” del governo che non si è accorto che funzioni importanti come la cura e la manutenzione della estesissima viabilità provinciale, quella di tutti gli immobili delle scuole superiori, le politiche ambientali, ecc., non hanno più una cassa dalla quale attingere? Oggi, Battista e Coia alzano la voce dichiarando di non essere più in grado di garantire la manutenzione e la sicurezza delle strade e delle scuole. Ma non lo sapevano anche prima di oggi? E che se anche fosse passato il referendum, per il quale hanno speso il loro Sì, restava in piedi il danno frutto del pressapochismo riformista? Sulla carta, certo, Battista e Coia hanno ragione e ragioni da vendere. Nei fatti, però, no perchè sono sostenitori di quel e di questo governo, di cattive politiche governative, di questo Pd. Complici politici.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Toma: “Infrastrutture, ora possiamo procedere. Sbloccati i fondi”

Infrastrutture, ora qualcosa sembra muoversi. E’ diventato operativo, infatti, il piano sviluppo e coesione 2014-2020, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*