Home / Lavoro / Oti, niente cassa integrazione per i lavoratori

Oti, niente cassa integrazione per i lavoratori

Per i 41 lavoratori della Oti le festività natalizie avranno un sapore amaro. L’Inps, infatti, non ha dato il via libera alla cassa integrazione richiesta il 2 dicembre scorso. L’istanza è stata bocciata per mancanza di requisiti. A questo punto l’unica soluzione rimasta è passare alla cassa integrazione in deroga, richiesta già avanzata da Cisl e Uil durante l’ultimo tavolo in prefettura a Isernia, con una responsabilità diretta da parte della Regione Molise. Visti i tempi stretti è necessario accelerare l’iter per la Cig in deroga.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Toma: “Infrastrutture, ora possiamo procedere. Sbloccati i fondi”

Infrastrutture, ora qualcosa sembra muoversi. E’ diventato operativo, infatti, il piano sviluppo e coesione 2014-2020, …

2 commenti

  1. Gianpaolo Libertucci

    E’ un vero peccato che un’azienda di quella portata sia ridotta così. E’ stata violentata da politiche sconsiderate di chi l’ha fondata, di chi ha governato la regione fino a qualche anno fa, di chi voleva accaparrarsi l’azienda senza troppi scrupoli. Mi auguro vivamente che ci sia pace per i lavoratori, che non meritano una sorte del genere, e soprattutto che la struttura continui ad operare rimanendo un fiore all’occhiello del suo settore.

  2. Le parole sono inutili in determinate circostanze, però uno sfogo lasciatemelo fare: il Molise intero non ha mostrato solidarietà nei confronti di questa struttura, così come nei confronti dello Zuccherificio. Si continua a pensare che il mondo inizi e finisca con le proprie beghe personali: è questo che sta uccidendo la regione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*