Home / Politica / Neve, finalmente la richiesta dello stato di emergenza

Neve, finalmente la richiesta dello stato di emergenza

CAMPOBASSO. “Neve, abbiamo chiesto la dichiarazione dello stato di emergenza per il Molise. Un intervento e un sostegno da parte dello Stato centrale, a nostro avviso, si rendono necessari per affrontare tutte le serie conseguenze del maltempo che dallo scorso 5 gennaio continua a colpire il Molise con nevicate di straordinaria portata”. Così, il presidente della Regione Molise, Paolo Frattura . Consiglio regionale del Molise che non si tiene per la neve. Come se si trattasse di una qualsiasi scuola. Il Molise da una settimana è stretto nella morsa della neve e del gelo, difficoltà nel transito degli automezzi pesanti, paesi senza energia elettrica e acqua potabile, zootecnia in enorme difficoltà, senza nemmeno i collegamenti ferroviari ma solo nel pomeriggio è stato chiesto  lo stato di emergenza al governo nazionale. A distanza di una settimana, grazie allo sforzo dei comuni, delle forze dell’ordine e dei volontari è stato possibile assicurare collegamenti e interventi sul territorio.  Ieri, è stata la Provincia di Isernia a chiedere “Alla Regione Molise di farsi portavoce presso il Governo nazionale affinchè venga dichiarato lo stato di emergenza per le precipitazioni nevose di cui all’oggetto che in ragione della loro intensità ed estensione debbono, con immediatezza d’intervento, essere fronteggiate con mezzi e poteri straordinari ; tale richiesta sarà utile al fine di assicurare l’organizzazione e l’effettuazione dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione interessata dagli eventi eccezionali ; al ripristino della funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture di reti strategiche, entro i limiti delle risorse finanziarie disponibili; alla ricognizione dei fabbisogni per il ripristino delle strutture e delle infrastrutture, pubbliche e private, danneggiate, nonché dei danni subiti dalle attività economiche e produttive”. Sembra, per davvero, che l’ondata di gelo abbia finito con il paralizzare i regionali visto e considerato che la Giunta ha ritenuto muoversi su questo terreno, in maniera ufficiale, solo nel tardo pomeriggio di oggi. Così, come si sarebbe potuto chiedere  l’intervento dell’Esercito nei giorni più pesanti specialmente lungo le arterie principali tra le quali, la Trignina, che ha visto mezzi pesanti incolonnati per giorni.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Meriti e demeriti, colpe e colpevoli del sistema amministrativo e produttivo

In silenzio, senza strombazzamenti promo pubblicitari, lavora. Un risultato significativo è la elaborazione del report  …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*