Home / Politica / Molise, un’economia ancora ferma

Molise, un’economia ancora ferma

Un’economia, quella molisana, che, proprio, non riesce a riprendere quota, a respirare quel tanto di ossigeno capace di farla riprendere. E’ il quadro che emerge dal Rapporto della Banca d’Italia sul sistema produttivo regionale. I dati sono stati centellinati nel corso di una conferenza stampa da parte del direttore della sede molisana, Dialma Fronzi e dai funzionari, Pietro De Matteis e Marco Manile. L’attività del settore industriale è tornata a indebolirsi soprattutto per le minori esportazioni. Il comparto dell’edilizia, nel 2017, è stato contrassegnato ancora da numeri assai negativi al pari del turismo che ha fatto segnare un circa -10% dei turisti in Molise. A preoccupare è il mercato del lavoro anche perché l’occupazione è diminuita dell’1% ma gli indici negativi riguardano la fascia di età tra i 15 e i 34 anni il cui indicatore del tasso di disoccupazione è sopra il 31%. Il venire meno del lavoro ha portato al ristagno della fase della spesa da parte delle famiglie molisane. Tra gli indici in positivo, la maggiore liquidità delle imprese e il minore indebitamento anche se questo non porta a nuovi investimenti. E a proposito della spesa dei fondi europei, ancora troppo bassa la spesa dei Piani operativi ferma al 2%. Infine, ultimo dato sul quale riflettere, quello delle aree interne. Oltre l’83% della superficie molisana è da considerarsi tale e con un indice di vecchiaia di 2 anziani a fronte di un giovane e uno spopolamento in atto che fa segnare la percentuale più alta d’Italia. In sintesi questo il quadro fornito dalla Banca d’Italia e sul quale bisognerà fare un’attenta valutazione per vedere le cose da farsi.
Il link con i dati: https://www.bancaditalia.it/…/eco…/2018/2018-0014/index.html

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

“Gam, il rischio è alle porte”

“La retrocessione dei lavoratori da GAM a Solagrital  sancirebbe, oltre alla fine del rilancio della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*