Home / Politica / Il Molise a Roma deve contare di più

Il Molise a Roma deve contare di più

di Giuseppe Saluppo

Non ci va proprio giù il fatto che a Roma la Regione Molise non debba contare. E non tiriamo sempre fuori la solita canzone che siamo pochi, piccoli e demograficamente inconsistenti. La verità è che il peso specifico della classe politica molisana è venuta meno, a mancare. Per troppi, lunghi ultimi anni essa ha badato esclusivamente a mantenere e perpetuare un sistema parassitario, familistico , privo di qualunque prospettiva di sviluppo. Nessuno ha pensato a ricostruire una nuova ossatura istituzionale. Ovvero, un nuovo abito a misura delle nostre esigenze. Non troppo largo ma nemmeno troppo stretto. Con qualche gobba, di sicuro, ma con altrettanta fierezza e voglia di esserci. Al contrario, purtroppo, è mancata la lucidità e, soprattutto, la incapacità tecnico- amministrativa- politica di affrontare qualsivoglia problema. Oggi, così, ne scontiamo le conseguenze. Commissari, occhi indagatori, furbizie e sotterfugi nel tentativo di rifilarci fregature e altro. E’ arrivato, però, il momento di dire basta. E’ giunta l’ora di ricostruire un percorso, una nuova strada fatta di strategie e di programmi. Ripartendo dalla nostra cultura e dai nostri ideali. Dal volere ribadire con fermezza che il Molise c’è e vuole continuare ad esserci. Che ha interesse a cucirsi addosso un nuovo vestito istituzionale sgomberando macerie, incurie e incapacità. Che va fiero della sua storia e su questa intende riposizionare la prima pietra di una novella storia. Una battaglia sacrosanta per cancellare, prima, le nostre inadempienze e le nostre inutili sottomissioni per, poi, mostrare la nostra fierezza e la nostra forza sui tavoli romani. Una battaglia per il Molise è quella che va combattuta con le armi dei propositi, dei progetti, della volontà di ricostruzione. Lo dobbiamo ai nostri figli.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Ma Renzi non ha fatto già danni enormi al Pd?

di Vincenzo Cordisco Cari dirigenti, segretari ed ex segretari del pd, o forse meglio dire …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*