Home / Politica / Il Molise guarda al futuro. Scambi scientifici con la Cina

Il Molise guarda al futuro. Scambi scientifici con la Cina

Sulla “via della seta” per un nuovo scambio culturale e tecnologico tra la Cina e il Molise. Nel suo ruolo di Ambasciatore dei molisani nel Mondo, Nicola D’Ascenzo e’ tornato in regione accompagnato dal prof. Qingguo Xie, direttore di Dipartimento presso l’Università di Scienze e Tecnologie di Wuhan, capitale della provincia cinese dell’Hubei.  Accolto dal presidente del Consiglio regionale, Vincenzo Cotugno. In conferenza stampa illustrate le possibilità di collaborazioni bilaterali nel campo universitario e della ricerca scientifica che porterebbero enormi vantaggi alla nostra regione. Il progetto, in fase di definizione, porterebbe ad interscambi culturali tra studenti, possibilità di dottorandi, borse di studio, docenze universitarie, progetti congiunti nel campo tecnologico e spin-off. “Un progetto unico in Italia che vogliamo esportare in Molise – ha detto D’Ascenzo –  non sono chiacchiere. Noi vogliamo aprire una sede distaccata del laboratorio e del parco universitario della Huanzhong University. Ci siamo battuti già in Cina per ottenere una parte dei fondi necessari perché crediamo che lo sviluppo tecnologico possa essere il ponte tra le due culture. Dunque – ha ribadito il professore originario di Termoli – siamo in visita in Molise per rendere il progetto concreto, trovare i luoghi, creare già un comitato di persone interessate dal punto di vista istituzionale e scientifico per avviare il progetto. Abbiamo già sei posti disponibili per giovani talenti molisani per l’area di Ingegneria Biomedica o Biologia più un corso in Medicina: due posti di dottorato, due posti da ricercatore a tempo determinato (per gli studenti che hanno concluso il dottorato nell’ambito di Fisica Medica/Ingegneria Biomedica), e infine altri due posti da assistant professor. I dottorandi potranno scegliere di stare sei mesi in Italia e altri sei in Cina.
Il progetto include uno spin off. Il che significa che ogni volta che con la ricerca scopriamo nuove tecnologie, ne avviamo la commercializzazione grazie ai contatti con i privati”. E’ stato lo stesso direttore del dipartimento di Scienze e Tecnologie, Quingguo Xie a sottolineare la bontà della scelta del Molise.  “Il Molise – ha detto – è la sede ideale per la realizzazione del nostro progetto. La nostra filosofia è fare ricerca con il sorriso e abbiamo trovato un punto d’incontro immediato tra Cina e Molise. Poi ci sono le grandi possibilità tecnologiche che possiamo ottenere: l’industria farmaceutica, ad esempio, che qui è molto avanzata. Puntiamo a portare in Molise la tecnologia che abbiamo sviluppato in Cina creando uno spin off  e creare qui una nuova tecnologia”. Soddisfatto il presidente del Consiglio regionale, Vincenzo Cotugno, che ha parlato di “un salto di qualità del Molise. Una visione del Molise che cresce, che vuole avere un futuro, che apre le porte al mondo. Una piccola regione capace di pensare in grande. Sono queste le sfide che devono appassionarci e che devono vederci uniti per il rilancio del nostro territorio e delle nostre eccellenze”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Chiacchiere in Consiglio regionale. Tavolo di lavoro a Roma con imprenditori

I molisani a Roma che aderiscono all’Associazione “Forche Caudine” hanno del Molise una visione molto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*