Home / Politica / Il Molise che esiste e resiste

Il Molise che esiste e resiste

Di Pasquale Guarracino*

 

Il Molise che esiste e resiste!

L’altra faccia di un popolo che seppur costretto a vivere fuori dalla nostra terra non dimentica le proprie origini. Il Molise c’è, il popolo molisano c’è e rivendica a gran voce il proprio senso di appartenenza. Nel corso degli ultimi anni ho avuto modo di conoscere iniziative socio culturali di spessore; mi vengono in mente la polifonica Monforte di Rosa Socci che, dopo anni ha portato in tutta Italia il folclore campobassano con ottimi risultati, e la pluripremiata banda della Masciona che con la propria satira ha più volte fatto riflettere su criticità croniche della nostra regione non risparmiando velate bacchettate alla nostra classe politica. Entrambe le iniziative hanno esportato il prodotto Molise fuori dai confini regionali. Ieri sera invece ho scoperto un’altra piacevolissima realtà: quella del calciocavallo. Ho partecipato alla bellissima festa che i ragazzi di questo gruppo hanno organizzato alla grandissima curando ogni minimo dettaglio insieme all’instancabile staff delle 4 via nove. Centinaia di giovani e meno giovani molisani, molti residenti fuori dal Molise, che con fierezza rivendicavano le proprie origini e l’amore incondizionato per la propria terra e per i prodotti genuini che la stessa ci dona. Ho avuto modo di confrontarmi con molti di questi ragazzi “esiliati” al Nord ma col Molise nel cuore e mi ha colpito molto la loro voglia di veicolare il prodotto Molise divertendosi, giocando a calcio e stando tutti insieme con goliardia per sentire meno la malinconia causata dalla lontananza da terra e famiglia. Si perché sono una vera famiglia, ogni tanto includono altri giovani che sono costretti a salire a Milano per studio o lavoro, e tra un video simpaticissimo ed una partita di calcio sponsorizzano e fanno conoscere il Molise e le sue tradizioni al nord. Quale migliore spot potrebbe rappresentare al meglio il nostro Molise? Credo nessuno. Cosi come ritengo che tutti noi, ma più in particolare tutta la classe politica, debba sostenere e supportare queste iniziative culturali e turistiche. Basterebbe veramente un piccolo contributo (considerato che il delegato al turismo di Nunzio dichiara da sempre di aver operato senza fondi) per permettere ai nostri giovani, che molte volte proprio a causa di inefficienze politichesi promuovere iniziative efficaci come questa ideata dai giovani del calciocavallo. Non si può non riflettere, con amarezza, sul crescente numero di giovani e meno giovani che lascia il nostro Molise, in cerca di opportunità che la nostra amata terra non ha dato loro. L’appello, forte e sentito, a tutta la politica molisana è quello di non consentire che altri giovani, altri molisani abbandonino la propria regione. E come si può evitare esclusivamente offrendo ai nostri giovani la possibilità di restare in Molise dignitosamente, creando opportunità e lavoro: solo così potranno scegliere di restare nella propria terra a realizzare i propri sogni. Ringraziando di cuore tutti i ragazzi di questa esilarante formazione nonché lo staff delle 4 via nove per la meravigliosa accoglienza riservatami ieri sera mi auguro che questo possa avvenire e che finalmente possiamo puntare sulle migliaia di molisani residenti fuori dal Molise ma da sempre col Molise nel cuore come dicono loro: EMA ESS UNITI

*Segretario generale Uiltucs Molise

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Più passano i giorni e più Toma somiglia a Frattura

Le critiche si addensano sulla nuova presidenza regionale che taluni considerano una protesi della presidenza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*