Home / Politica / Molise Dati: società regionale in houese providing solo sulla carta

Molise Dati: società regionale in houese providing solo sulla carta

 

La Società Molise Dati spa in house providing non gode di grande considerazione alla corte del presidente della giunta regionale e di qualche sindacalista tra quelli che vorrebbero maggiore continenza nei compensi al management. In un modo o nell’altro la Molise Dati è oggetto di cronaca locale col suo carico di problemi e d’insoddisfazioni. Né le vale molto, per riguadagnare prestigio, il fatto che sia una delle prime, se non la prima, società nel Molise che si sia occupata d’informatica, di telematica, di digitalizzazione. Il diagramma dell’attività societaria è stato per anni in ascesa, nella fase in cui  la politica non aveva avuto il sopravvento che ha avuto, per poi scendere e quindi appiattirsi. Alle capacità gestionali della Molise Dati, società in house providing, la Regione, infischiandosene della natura e del fine ultimo che la distingue, ha preferito spesso ricorrere al libero mercato, affidando all’esterno, per fare un esempio, il servizio protocollo dell’Ente. Un esempio, ma ce ne sono altri che per motivi di spazio evitiamo. Sta di fatto che la Molise Dati galleggia, mentre potrebbe tranquillamente navigare.  Finanche la costituzione del collegio dei revisori dei conti ha dovuto pagare lo scotto di un traccheggio di mesi prima di arrivare a concludersi. Vi è arrivata nel corso della seduta della giunta regionale del 29 novembre 2016, sulla scorta del documento istruttorio del Servizio di Gabinetto  del presidente Frattura.

Con l’atto giuntale 553 ha infatti  designato quali componenti del Collegio sindacale della Molise Dati spa: Orsola Cernera, Paride Donato Benedetto e Antonio Pietrarca (componenti effettivi); Eleonora Galante e Antonio Monaco (componenti supplenti). Alla presidenza del Collegio la giunta ha indicato Orsola Cernera che, nella comunicazione di accettazione dell’incarico, ha dichiarato di essere membro e presidente del Collegio dei revisori dei conti del Consorzio di Bonifica della piana di Venafro e che pertanto versa nella condizione di cumulo di incarichi ai sensi del comma 6, dell’articolo  2  della legge regionale 16/2002”. Sul punto la giunta non ha rilevato alcunché, per cui ha stabilito che, ai sensi dell’articolo  25 dello statuto sociale, ai componenti effettivi del Collegio Sindacale della Molise Dati spa sia riconosciuto, per ciascun esercizio della carica, un compenso lordo ed  omnicomprensivo 9.000 euro (nulla escluso) con maggiorazione della retribuzione in favore del presidente del Collegio sindacale e di fissare, per analogia, la determinazione degli eventuali rimborsi spese per missioni fuori sede, a quanto eventualmente riconosciuto all’Organo amministrativo. Sulla nomina dei revisori dei conti in giunta ha relazionato direttamente il presidente informando gli assessori che la Molise Dati Spa è totalmente partecipata dalla Regione Molise ed ha assunto la natura giuridica di organismo in house providing per effetto della delibera della giunta 923 del 29 dicembre 2011, il cui iter è stato ultimato  con l’acquisizione delle azioni del socio privato “Infomolise Srl” ed alla contestuale ratifica delle modifiche statutarie necessarie per la definizione del percorso di trasformazione della natura societaria, Successivamente, con la deliberazione di giunta regionale 857 del 21 dicembre 2012, l’esecutivo regionale ha approvato le modifiche del documento statutario della Società Molise Dati spa affinché

venissero introdotte nell’articolato statutario le disposizioni proprie degli Organismi in house providing. E, infine, che con verbale di assemblea del socio unico (la Regione Molise – ndr) del 29 gennaio 2013 è stato approvato lo Statuto sociale della Molise Dati spa in house providing. Una soluzione che alla Molise Dati non ha portato alcun beneficio e altrettanto alla Regione se, come abbiamo fatto cenno, pur disponendo di una  società in house providing, non manca di rivolersi al mercato libero.

 

Dardo

 

 

Di Dardo

Potrebbe Interessarti

Toma: “Sostegno all’internazionalizzazione delle imprese”

Missione economica plurisettoriale in Albania, a Tirana, dal 9 luglio all’11 luglio 2018, guidata dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*