Home / Politica / “Mobilità in deroga, cosa fa la Regione?”

“Mobilità in deroga, cosa fa la Regione?”

“Il presidente della Giunta regionale e l’assessore allo Sviluppo economico quali iniziative intendono assumere al fine di risolvere la problematica relativa allo sblocco del pagamento delle 13 mensilità di mobilità in deroga spettante ai 1744 lavoratori molisani?”

E’ quanto si legge in una interrogazione presentata dal vicepresidente di Palazzo D’Aimmo Nicola Cavaliere.

“Con deliberazione numero 242 del 29 dicembre 2017, – si legge nel testo – il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità un Ordine del giorno relativo al mancato pagamento della mobilità in deroga per le rimanenti 7 mensilità del 2015 e le successive mensilità del 2016 alla platea dei 1744 lavoratori”.

“Dopo quasi 40 giorni, – precisa l’esponente di Forza Italia – nessuna notizia è però giunta da Via Genova. Bisogna poi ricordare che, lo scorso 18 gennaio, il ‘Comitato Lavoratori Mobilità in Deroga Molise’ ha manifestato a Roma davanti al ministero del Lavoro e delle politiche sociali e ha incontrato il Direttore generale degli Ammortizzatori sociali, dottor Ugo Menziani, e successivamente il Capo della segreteria politica del ministero del Lavoro, il Dottor Bruno Bisaccia. Entrambi i dirigenti – prosegue Cavaliere – hanno ribadito la disponibilità ad accogliere positivamente l’istanza della Regione Molise se correttamente formulata”.

“Quindi non esistono – conclude il vicepresidente del Consiglio – più alibi. La Giunta regionale ha il dovere di intervenire il prima possibile e senza esitazioni. I lavoratori non possono più aspettare”.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Un Accordo Quadro per gli ex lavoratori dello zuccherificio  per evitare che, ad elezioni regionali concluse, “Passata la festa, gabbato lo santo”

Non gli è costata fatica all’assessore regionale alle attività produttive Veneziale spendersi in varie ipotesi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*