Home / Politica / Michele Iorio e Luigi XIV. “Le candidature sono…Io”

Michele Iorio e Luigi XIV. “Le candidature sono…Io”

Michele Iorio sembra essere diventato un novello, Luigi 14esimo, l’ex presidente della Giunta regionale, ora consigliere regionale, sembra voler dire: “Posso fare tutto io”. Così, la candidatura, prima alla Camera poi alle Regionali. In una sorta di continuità politica che, pare, proprio non avere tregua. Le dichiarazioni di Iorio, però, hanno provocato più sorrisi ironici che timori nell’area di centrodestra. Ne è consapevole Maurizio Tiberio coordinatore di Idea. “E’ legittimo per chiunque volersi candidare – ha sottolineato Tiberio. E’ evidente, però, che non si può pensare di essere utile per tutte le stagioni”. In merito al volere essere una sorta di Asso pigliatutto, Tiberio, sarcasticamente, commenta: “Non vedo l’Asso. Michele Iorio non è più quello di un tempo. Ripeto, liberissimo a candidarsi”. Allora, vuole porre in atto una prova di forza? “Credo, che intenda candidarsi a prescindere. Chissà, se lo farà anche nel 2019 per le Europee”.

E sulle dichiarazioni di Michele Iorio, anche l’intervento del coordinatore dei Sovranisti, Carlo Perrella. “Sarebbe il caso che, dopo avere mantenuto il timone della Regione per tanto tempo, oggi si facesse da parte. Piuttosto pensasse di fare il padre nobile del centrodestra ma non pensando più a ricandidature”

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Berlusconi: “Il centrodestra può governare il Molise”

“Abile oratore, ma assolutamente non adatto a governare il Molise. Sono rimasto in campo ancora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*