Home / Territorio / Mancherà l’acqua in basso Molise

Mancherà l’acqua in basso Molise

E’ uno dei sintomi dell’abbassamento del livello di acqua all’interno dell’invaso del Liscione. La rottura di un pezzo all’interno dell’impianto di potabilizzazione. Così, dalle 8 di domani, 24 agosto,  e fino al tardo pomeriggio dello stesso giorno, verrà sospesa l’erogazione di acqua dall’impianto della Diga del Liscione a Guardialfiera. Lo rende noto l’Azienda speciale ‘Molise Acque’.
L’intervento, a causa di lavori urgenti relativi alla manutenzione straordinaria delle apparecchiature idrauliche delle prese di derivazione dell’impianto di potabilizzazione. Di seguito i Comuni interessati: Termoli, Larino, Ururi, San Martino in Pensilis, Portocannone, Campomarino, Guglionesi, Montecilfone, S. Giacomo degli Schiavoni, Petacciato e Montenero di Bisaccia. In una nota ‘Molise Acque’, invita le amministrazioni “ad assumere i necessari provvedimenti di regolazione del flusso idrico in funzione della disponibilità”.

E’ chiaro ed evidente, però, che come segnalava lo stesso ex direttore di Molise acque, l’ingegnere Matteo pasquale, è dal 2003 che il corso fluviale del Biferno a valle non ha conosciuto i dovuti interventi dopo la piena che si registrò lo stesso anno. A seguito dei mancati interventi, anche quest’anno non è stato possibile mantenere al massimo del contenimento la diga e l’acqua è stata fatta fuoriuscire. Tutto questo procedere, ha portato all’abbassamento del livello con difficoltà nel prelievo d’acqua e il venire meno della stessa. Oggi, anche, le macchine soffrono nel pescare e potabilizzare l’acqua del Liscione per le popolazioni del basso Molise. Alla luce di quanto accaduto quest’anno, non sarebbe il caso di procedere a risistemare l’alveo a valle del Biferno visto e considerato che sono passati 14 anni dall’alluvione che ne causò i danni?

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Bandi periferie, un Consiglio nullo

Un Consiglio comunale a Campobasso senza un sussulto. Convocato sulla questione del Bando per le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*