Home / Politica / L’Europa in Molise

L’Europa in Molise

Un momento denso di significati la Conferenza delle Assemblee legislative delle Regioni d’Europa (Calre), che si è tenuta a Venafro, al castello Pandone. Un riconoscimento, anche, per il lavoro svolto dal presidente del Consiglio regionale del Molise, Vincenzo Cotugno nell’ambito del progetto sui Minori non accompagnati.  “È una bella giornata. Una giornata storica perché oggi pubblichiamo, qui a Venafro, il progetto sui ‘Minori stranieri non accompagnati’ che ci ha visto impegnati in un lavoro durato due anni. Sono stati necessari otto mesi per ospitare un appuntamento così qualificante per la nostra regione – ha detto ancora Cotugno – il progetto sui minori, presentato dal Molise e approvato dal gruppo di lavoro Calre, è già stato illustrato alla XIV Commissione al Senato ricevendo il consenso pieno. L’Italia è l’unico paese europeo che ha legiferato su questa materia. La legge nazionale 47/2017 – ha aggiunto – ha recepito parti importanti del nostro progetto; adesso l’obiettivo è sottoporre al Parlamento Europeo un dettato normativo che possa uniformare, in tutta Europa, il trattamento dei minori stranieri affinché si possa aprire un percorso integrativo nell’esclusivo interesse degli stessi”. In apertura dei lavori, il saluto l’ha portato anche l’eurodeputato, Aldo Patriciello, che ha sottolineato la necessità per tutti di legiferare in materia di immigrazione e di tutela dei minori. Nel pomeriggio, invece, Conferenza dei Presidenti dei Consigli regionali d’Italia. Nell’ambito dei lavori, la firma di un protocollo d’intesa sui tratturi tra le regioni: Basilicata, Abruzzo, Molise e Puglia. “Siamo quattro regioni – ha sottolineato il presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Francesco Mollica – che intendono valorizzare i loro beni. Esso darà il via a un’operatività congiunta. I Tratturi – ha aggiunto Mollica – sono un bene inestimabile. Mi sembra opportuno poter mettere in moto le sinergie tra le varie regioni confinanti accedendo anche a fondi europei. Quello che ci aspettiamo è una valorizzazione pratica: i Tratturi sono già vincolati dai Beni architettonici e culturali nell’ambito del loro utilizzo, pertanto se non possiamo utilizzarli per altre maniere, almeno vengano valorizzati adeguatamente”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Leader in passerella nel Molise

Per  il primo ministro del governo Italiano Paolo Gentiloni in visita elettorale al Molise (mai …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*