Home / Politica / “Legge elettorale, la provincia di Isernia bistrattata”

“Legge elettorale, la provincia di Isernia bistrattata”

Da più parti si sta discutendo, da tempo, di proposte di una nuova legge elettorale regionale. Ma al momento ancora nulla di concreto si profila all’orizzonte, si è ancora allo stato di un pour parler nonostante l’avvicinarsi degli appuntamenti elettorali. Parte perciò da Iserniala mobilitazione per una nuova legge elettorale che restituisca alla provincia pentra un’adeguata rappresentanza in Consiglio regionale. Tra i primi a muoversi, l’ex senatore Alfredo D’Ambrosio, che sollecita i sindaci dei comuni della provincia a farsi parte attiva per il bene della comunità.  “La Provincia di Isernia – dichiara D’Ambrosio – non può essere sempre e comunque penalizzata, quasi fosse la Cenerentola della regione. La popolazione della provincia di Isernia è infatti pari a un terzo di quella dell’intero corpo elettorale: perciò, come tale, deve essere rappresentata nell’assise regionale da un numero adeguato e corrispondente di consiglieri. Sarebbe inoltre opportuno – continua l’ex senatore – che tutti i sindaci della provincia di Isernia convocassero i rispettivi Consigli comunali per deliberare al riguardo, affinché la Regione prenda atto di quest’esigenza e legiferi subito in materia, visto l’avvicinarsi della scadenza del mandato dell’attuale Giunta. Sono convinto che gli amministratori locali, per il bene delle comunità che rappresentano, non potranno venire meno a questa necessità, che rispecchia appieno la volontà delle popolazioni locali, altrimenti non adeguatamente rappresentate. Ma confido nel buonsenso dei sindaci della provinciapentra, poiché è giusto che Isernia abbia ciò che le compete. Per ottenere questo risultato, mi auguro che si attivino anche i nostri consiglieri regionali in carica, come Cotugno, Scarabeo, Iorio e l’assessore esterno Veneziale. Sono certo che tutti loro saranno direttamente coinvolti in questa iniziativa a supporto del territorio”.

“In attesa tuttavia di conoscerne il pensiero – ancora D’Ambrosio – è in via di ultimazione un comitato che si occuperà della legge elettorale e di tutti gli altri problemi riguardanti la provincia di Isernia, alla quale va restituito ciò che, negli anni, è stato ingiustamente tolto a causa anche di un meccanismo elettorale eccessivamente penalizzante. Non c’è più tempo da perdere – conclude – ne va della sopravvivenza stessa di un territorio ingiustamente messo ai margini”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

“Castellelce e Fresilia, un disastro”

“La Fresilia e la Castellelce sono solo due esempi di una politica inconcludente che promette, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*