Home / Campobasso / L’allargamento della Giunta, un atto di offesa a una città che muore

L’allargamento della Giunta, un atto di offesa a una città che muore

di Giuseppe Saluppo

Pensavo. Un loculo a Campobasso è arrivato a costare 2.850 euro indipendentemente dal piano più due marche da bollo per il contratto. 250 euro per la muratura. Mentre la politica, a Campobasso, ha pensato bene di portare  da sei a sette e, oggi, da sette a nove gli assessori compresa un’esterna. Dinanzi ad una città che sta morendo, che ha i tributi tra i più alti d’Italia, si pensa ad allargare una Giunta appesantendo la spesa, diluendo, ancora, le deleghe e sottraendo risorse per cose utili per dare retta a qualche consigliere o assessore regionale. Un’operazione dal netto e inequivocabile sapore opportunistico, spartitorio e contradditorio della immagine che Antonio Battista aveva voluto dare di sé e della sua sindacatura aliena dai condizionamenti, dai veti, dalle pressioni. Ma è, anche, un atto di sfida alla logica, alla morale, e alla città in un momento di massima crisi economica e sociale. E non ci si venga a dire o a mascherare che tutto questo si ha perchè si intende dare fiato alla seconda parte del mandato e proseguire le azioni intraprese. I cittadini di Campobasso non hanno visto nulla. Azioni, progetti, iniziative, programmi tutto fermo. Mentre fermi non sono rimasti i tributi da pagare che risultano essere tra i più alti d’Italia. Per questo, occorreva allargare la Giunta comunale? Andando ad appesantire le già fragili casse e ad ingigantire il mugugno dei consiglieri di maggioranza? Mugugni che, alla luce di quanto fatto, andrebbero portati alla luce del sole per il bene della città. Qui non si tratta di essere portaborse o galoppini di qualcuno o di chi dovrà correre per le prossime regionali. Campobasso ha bisogno di altro. Ha bisogno di una visione strategica, di idee, di una pulsione vitale per non morire risucchiata dal pantano nel quale è stata portata. La realtà è avvilente nell’espressione e nella sostanza.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Patriciello: “Forza Italia, perno del centrodestra”

“Il consueto appuntamento annuale di Fiuggi è un’occasione importante per stare insieme, fare il punto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*