Home / Politica / La Uil lancia il Manifesto per lo sviluppo del Molise

La Uil lancia il Manifesto per lo sviluppo del Molise

“Molise, sei lettere, sei punti prioritari per il suo sviluppo”. Così, Tecla Boccardo, segretaria regionale della Uil nel presentare il Manifesto per lo sviluppo della Regione. “Un manifesto – ha aggiunto – da porre a confronto con le istituzioni e le parti sociali ed economiche, un tavolo di partenariato in cui tutto il Molise insieme ridisegna questa regione che è cambiata anche dal punto di vista amministrativo perché i servizi pubblici sono stati tagliati. Abbiamo – ha proseguito Boccardo – un taglio continuo con una continua riduzione dei posti di lavoro ma se le risorse vengono utilizzate attraverso un progetto che ruoti intorno all’idea e prendendo come spunto e riferimento le eccellenze del territorio dando un supporto allo sviluppo con gli strumenti della competenza, della formazione della scuola dell’università e della ricerca potremmo ridare lavoro e riprendere un nuovo percorso perché abbiamo due elementi fondamentali la ripresa e le risorse. Le emergenze sono sempre le stesse, le vertenze restano sempre aperte. Noi abbiamo ritenuto necessario ed opportuno far sì che si cambi passo; vorremmo che il Molise in cominciasse a parlare di sviluppo futuro perché dopo questi anni di crisi il Molise esce totalmente modificato: molte aziende hanno chiuso alcuni nuclei industriali sono totalmente deserti molti lavoratori hanno perso occupazione e spesso le politiche attive vengono utilizzate come aree di parcheggio per coloro che sono ancora in attesa della ricollocazione. Noi, invece, pensiamo che le risorse non possono essere tenute nel cassetto abbiamo sempre chiesto una idea di sviluppo del Molise un nuovo modello di sviluppo strategico e armonioso che coprisse tutta la regione ma non avendo ricevuto risposte ed essendo preoccupati di come spendere le risorse e non tenerle nel cassetto. Serve – ha chiuso la Boccardo – una pianificazione e un progetto che possa rilanciare la regione e dare risposte alle vertenze aperte. Noi, dal canto nostro, lanciamo un Manifesto per lo sviluppo con una serie di analisi e prospettive”. Alla manifestazione di Termoli è intervenuto, anche, il segretario nazionale della Uil, Carmelo Barbagallo.  “Le misure che servono per il Molise sono uguali a quelle che servono per tutto il Mezzogiorno. Questa è una piccola regione con grandi problemi infrastrutturali che ha bisogno di un progetto di sviluppo diverso dal passato che utilizzi tutte le risorse europee e locali per rimettere in sicurezza il territorio e creare le infrastrutture per attirare occupazione”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Fanelli: “Fermiamo il governo del cambiamento…in peggio!”

“Uno scippo ai Comuni italiani, un pericoloso ritorno al passato sui vaccini, due schiaffi dolorosi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*