Home / Lavoro / “La Regione corregga l’errore perchè si paghi la mobilità in deroga a 2mila lavoratori”

“La Regione corregga l’errore perchè si paghi la mobilità in deroga a 2mila lavoratori”

La Regione Molise corregga immediatamente l’errore, altrimenti 2mila lavoratori non potranno percepire la mobilità in deroga riferita a sette mesi del 2015 e ai 4/5 mesi del 2016″. L’invito è rivolto dallaUsb. “La Regione Molise ha pubblicato l’11 gennaio 2016 sul BURM n.1 la Determina Dirigenziale n. 15 dell’8 gennaio 2016 con le ISTRUZIONI OPERATIVE sugli ammortizzatori sociali in deroga per l’anno 2016. In base a quelle Istruzioni Operative poco meno di 2 mila lavoratori molisani hanno presentato domanda all’INPS per percepire 4 o 6 mesi di mobilità in deroga a valere sul 2016. Dopo l’approntamento del Decreto Legislativo n. 185 del 24 settembre 2016 che ha stanziato 52 milioni di euro per la Regione Molise i lavoratori aspettavano di essere pagati sia per 7 mesi del 2015 che per i 4 o 6 mesi del 2016. Purtroppo la Commissione Regionale Tripartita del 20 dicembre ha approvato delle nuove ISTRUZIONI OPERATIVE pubblicate sul BURM n. 49 del 23 dicembre 2016 (Determina Dirigenziale n. 6439 del 21.12.2016) in cui non considera chi aveva fatto la domanda per il 2016 e obbliga a ripresentarla entro il 31 dicembre 2016 altrimenti si perde il diritto. Anche la correzione del 29 dicembre della Regione Molise che ha spostato la presentazione della domanda all’INPS non fa riferimento alle 2 mila pratiche già protocollate in base alle ISTRUZIONI OPERATIVE dell’11 gennaio 2016 e fa rimanere l’obbligo di rifare l’istanza entro il 31 dicembre 2016. La USB Molise interroga la Regione a correggere questo errore e pagare i 7 mesi di mobilità in deroga 2015 e considerare il diritto acquisito e la presentazione delle 2 mila domande inoltrate all’INPS per l’anno 2016 in base alle ISTRUZIONI OPERATIVE pubblicate sul BURM n. 1 dell’11 gennaio 2016. La USB augurando buon anno sarà vigile affinchè tutto cio si verifichi negli interessi di migliaia di famiglie che aspettano un minimo di salario,rispettando la dignità di ogni lavoratore”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

A breve: pronto telefoniamo per conto del candidato…

di Massimo Dalla Torre Destra, Sinistra, Centro, questo è il dilemma che, in questi giorni, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*