Home / Appuntamenti / La Carpinone-Sulmona tra le ferrovie turistiche

La Carpinone-Sulmona tra le ferrovie turistiche

C’è anche la Carpinone- Sulmona nella legge approvata dalla Camera dei Deputati, ora passa al Senato, per la valorizzazione delle ferrovie turistiche. La legge ha come finalità la salvaguardia e la valorizzazione dei tracciati ferroviari, delle stazioni e delle relative opere d’arte in disuso, o in corso di dismissione, ove comunque sia ancora possibile il ripristino dell’esercizio ferroviario in un’ottica turistica e che attraversano territori di particolare pregio naturalistico o archeologico.
Nel territorio della Repubblica sono individuate le seguenti linee ferroviarie per la loro trasformazione in ferrovia turistica:

a) la ferrovia Palazzolo-Paratico (Lombardia);

b) la ferrovia Asciano-Monte Antico (Toscana);

c) la ferrovia della Valmorea (Lombardia);

d) la ferrovia Ceva-Ormea (Piemonte);

e) la ferrovia Sulmona-Casteldisangro-Carpinone (Abruzzo-Molise);

f) la ferrovia Agrigento-Porto Empedocle (Sicilia);

g) la ferrovia Fano-Fermignano (Marche).

Le linee ferroviarie, le stazioni e le relative opere d’arte restano nella disponibilità  della società Rete ferroviaria italiana Spa, ente proprietario che si occupa della manutenzione ordinaria nonché della funzionalità e della sicurezza delle ferrovie turistiche. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, il Ministero per i beni culturali, l’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, la società Rete ferroviaria italiana Spa e la società Trenitalia Spa istituiscono appositi tronchi di gestione delle ferrovie turistiche a cui demandare la gestione e la fruizione dei tracciati e delle stazioni, attraverso l’organizzazione di convogli ferroviari, l’allestimento di spazi museali e la promozione del servizio, coinvolgendo, ove presenti, le organizzazioni di volontariato che hanno, o hanno avuto, contratti di collaborazione o di comodato con società del gruppo Ferrovie dello Stato Spa, che già operano, o hanno operato, nelle istituenti linee turistiche. In assenza di tali organizzazioni si prevede il coinvolgimento dei comuni attraversati dalle linee ferroviarie Si tratta di percorsi costruiti tra la fine dell’ottocento e i primi del novecento che, oltre ad attraversare luoghi ricchi di fascino e di storia, conservano, quasi intatti, importanti elementi di archeologia industriale e ferroviaria, ponti e gallerie ancora in eccellenti condizioni statiche, stazioni e magazzini dall’inconfondibile stile ferroviario italiano: infrastrutture che, in un modo o nell’altro, hanno fatto la storia del nostro Paese e che vanno assolutamente tutelati.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Isernia, l’ufficio del Giudice di Pace nei locali del Tribunale

La Conferenza Permanente presso il Tribunale di Isernia, presieduta dal Presidente del Tribunale Dr. Vincenzo …

Un Commento

  1. Ottima cosa! Ai fini turistici è una risorsa per il Molise, da collegare con eventi locali di attrazione. Spero di poterci fare un viaggio appena possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*