Home / Cronaca / Isernia, usura ed estorsione: 2 denunce

Isernia, usura ed estorsione: 2 denunce

Nel solco delle attività di contrasto al fenomeno dell’usura, poste in essere dalla Polizia di Stato, si inserisce l’attività della Squadra Mobile che nei giorni scorsi ha deferito in stato di libertà, all’Autorità Giudiziaria 2 soggetti, un uomo italiano ed una donna di etnia rom di anni 46 e 40 per due differenti vicende di usura ed estorsione.

La prima vicenda, che vede protagonista un uomo isernino, trae origine dalla denuncia della vittima che nell’anno 2014 aveva ricevuto un prestito di euro 1000 da un conoscente con il quale aveva pattuito la corresponsione di una rata mensile di euro 250 a titolo di interessi passivi fino al pagamento in un’unica soluzione del prestito iniziale. Il saldo finale di fatto non era avvenuto per le precarie condizioni economiche della vittima che fino al marzo 2017 aveva versato al suo aguzzino la somma di euro 6000. Esasperato dalla situazione il denunciante si è recato presso gli uffici della polizia al fine di esporre i fatti. L’indagine che ne è scaturita ha consentito di ricostruire, anche attraverso  indagini tecniche, il prestito  ricevuto e il pagamento delle rate mensili. Inoltre in più di un’occasione S.G. di anni 46 non aveva esitato a pretendere il pagamento delle rate mensili minacciando la vittima ed i suoi familiari, ponendo in essere delle vere e proprie condotte estorsive. All’esito dell’attività, gli investigatori, ricostruiti i fatti, hanno messo fine alla triste vicenda denunciando il predetto per il reato di usura ed estorsione.

La seconda vicenda trae origine da un’aggressione subita da una donna di etnia rom, medicata presso il locale nosocomio con lesioni guaribili in giorni 7. Gli investigatori acquisita la fiducia della vittima, hanno ricostruito una vicenda di usura ed estorsione. La denunciante, infatti, ha dichiarato di aver ottenuto da una sua conoscente di etnia rom un prestito di euro 3500 che aveva restituito interamente con rate mensili chiedendo aiuto anche ai propri familiari. Nonostante l’estinzione del debito la denunciata ha sempre continuato a vantare un credito nei confronti della vittima, minacciandola ripetutamente se non avesse ottemperato al pagamento richiesto, fino ad aggredirla fisicamente.

L’attività di indagine che ne scaturita, ha consentito al personale della Squadra Mobile di deferire all’Autorità Giudiziaria B.M. di anni 40 per i reati di usura, tentata estorsione e lesioni personali.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Sequestrate tre auto ad una concessionaria

A seguito di una richiesta di collaborazione da parte del Compartimento Polizia Stradale del Lazio, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*