Home / Politica / Iorio: “Precariato, ne discuta il Consiglio regionale”

Iorio: “Precariato, ne discuta il Consiglio regionale”

“Precariato diffuso nella pubblica amministrazione: il centrodestra porta la questione in Consiglio”. Lo scrive il consigliere regionale, Michele Iorio.  “Insieme ai colleghi di centrodestra abbiamo presentato una mozione che tende a fare chiarezza sul precariato diffuso nelle pubbliche amministrazioni prendendo spunto da quanto sta avvenendo con gli infermieri nel settore della sanità. Il governo regionale sta ricalcando lo stesso errore commesso con i precari della Protezione Civile: attraverso nuove assunzioni piuttosto che alla stabilizzazione dei precari già esistenti  si corre il rischio di lasciare precari i primi e crearne dei nuovi.  Anche la legge è chiara in proposito. Invece la Regione sta procedendo a nuovi avvisi e nuove assunzioni non tenendo conto delle previsioni di legge del Decreto Madia e delle norme che lo hanno proceduto. Per questo motivo ora il Consiglio regionale è chiamato a fare chiarezza sulla delicata questione al fine di impegnare il presidente della Giunta, a disporre la proroga dei rapporti di lavoro flessibile (contratti a tempo determinato, co.co.co., co.co.pro., lavoratori socialmente utili, contratti di formazione-lavoro) a prossima scadenza per i lavoratori appartenenti all’area sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa che hanno i requisiti per l’ammissione alle procedure di stabilizzazione. Inoltre chiediamo al presidente della Regione di rispettare, nelle more della stabilizzazione del precariato esistente in questa Regione, in osservanza della normativa Madia, il divieto di stipulare ulteriori rapporti di lavoro flessibile per le professionalità interessate alla nuova procedura da avviare”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Chiacchiere in Consiglio regionale. Tavolo di lavoro a Roma con imprenditori

I molisani a Roma che aderiscono all’Associazione “Forche Caudine” hanno del Molise una visione molto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*