Home / Politica / Iorio: “Nel 2012 stanziammo i soldi per l’emergenza neve. Frattura conta i danni ma non eroga nemmeno un euro ai Comuni”

Iorio: “Nel 2012 stanziammo i soldi per l’emergenza neve. Frattura conta i danni ma non eroga nemmeno un euro ai Comuni”

“E’ vero, noi abbiamo stanziato risorse per fronteggiare l’emergenza neve del 2012. Frattura, invece, fa la conta dei danni senza mettere un euro mettendo in ginocchio i Comuni”. Lo sostiene il consigliere regionale, Michele Iorio, rispondendo allo stesso presidente della Giunta regionale. “Gestire l’emergenza significa salvaguardare con ogni mezzo e in ogni modo la salute dei cittadini. Nel 2012 ci siamo preoccupati di dichiarare lo stato di emergenza mobilitando tutti i sindaci e autorizzando ogni iniziativa tesa ad evitare e/o risolvere situazioni di pericolo. La risposta, all’epoca, fu di piena soddisfazione per i cittadini. Il computo delle spese fu concordato con la Protezione Civile Nazionale secondo parametri precisi e riscontrabili.  Successivamente il governo nazionale (che ha visto l’avvicendarsi tra Mario Monti, Enrico Letta e Matteo Renzi) non mantenne fede agli impegni assunti per il ristoro economico e il governo regionale guidato da Frattura, subentrato a febbraio 2013, non ha fatto nulla perché tali impegni venissero rispettati. Nell’emergenza del 2017 la Regione Molise si è distinta per l’assenza più completa degli interventi lasciando tutto alla responsabilità di sindaci e Province. Solo la buona stella ha impedito che l’emergenza si trasformasse in tragedia e abbiamo dovuto assistere a condizioni da terzo mondo relativamente ad alcune frazioni e alcuni Comuni rimasti isolati per giorni. In conclusione, guardando i fatti, si può tranquillamente affermare che noi abbiamo gestito l’emergenza, il governo Frattura si preoccupa solo della conta dei danni. Magari risparmiando il più possibile. Non mi sembra un atteggiamento di cui potersi vantare”.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Fanelli: “Fermiamo il governo del cambiamento…in peggio!”

“Uno scippo ai Comuni italiani, un pericoloso ritorno al passato sui vaccini, due schiaffi dolorosi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*